Home > Recensioni > Punkreas: Inequilibrio
  • Punkreas: Inequilibrio

    Garrincha Dischi / none

    Data di uscita: 23-03-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Una delle caratteristiche principali dei Punkreas è sempre stata sicuramente l’ineccepibile regolarità con la quale sono sempre riusciti a sfornare dai loro studi di registrazione un nuovo lavoro. Anche in questo caso, a due anni di distanza dall’ultimo “Il Lato Ruvido” (2016), i ragazzacci di Parabiago (Mi) si preparano a rilasciare un EP dal titolo “Inequilibrio” (23 marzo, Garrincha Dischi), cui ne farà seguito un secondo nei prossimi mesi – entrambi figli dello stesso viaggio che ha caratterizzato negli ultimi anni la carriera della più grande punk rock band italiana. Registrato e coprodotto da Oliviero “Olly” Riva (già Shandon, The Fire e The Soul Rockets) presso il Rocker Studio di Mario Riso (batterista e creatore del progetto musico/sociale Rezophonic), il disco si sviluppa attraverso 5 tracce dal tiro incalzante ed energico, fra le quali spicca senz’altro la già rilasciata – alla fine di gennaio – “Fermati E Respira”, assieme al videoclip firmato da Paolo Santamaria.

Nel rispetto totale della loro natura provocatoria, i Punkreas propongono con questo nuovo lavoro una vera e propria fotografia dell’Italia contemporanea, preda di quegli strumenti della globalizzazione dettati dalle altre potenze mondiali, vittima della sua stessa classe politica e sempre più prigioniera della “guerra tra i poveri”. La formula ancora una volta passa per la ribellione all’intero sistema, possibile solo attraverso la riscoperta dei valori più genuini e importanti (“Fermati E Respira”), la fiducia nei confronti del proprio “vicino di casa” (“Conto Su Di TE”, “U-Soli”) e l’accettazione che l’odio abbia parte in causa tanto quanto l’amore nel processo di cambiamento di ogni essere umano (“Inequilibrio”, “Due Minuti Di Odio”).

Un vero e proprio ritorno “rumoroso” quello di Angelo “Cippa” e soci, che ancora una volta confermano di essere i reali portabandiera del punk made in Italy.

Pro

Contro

Scroll To Top