Home > Rubriche > Compilation > Quando la vita è come un film

Quando la vita è come un film

La recente uscita di “Parnassus” ci dà l’occasione per glorificare per l’ennesima volta il genio di Terry Gilliam, ed è effettivamente quello che faremo ora.

GLORIA! GLORIA A TE, TERRIGHILLIAM! GLORIA!!!

La recente uscita di “Parnassus” ci dà anche l’occasione per ricordare, con affetto e commozione, uno dei più promettenti (dei migliori?) attori della sua generazione. La morte di Heath Ledger, in effetti, è stato un evento talmente brutto che persino questa rubrica abbandonerà per un attimo il tono goliardico, dedicando tre righe di silenzio al miglior Joker della storia del cinema.
.
.
.
OK, ora possiamo senza indugi tornare alle care, vecchie, sane abitudini: cazzo figa tette culo scorregge blasfemie TELETUBBIES.

Celebrare la memoria di Heath Ledger, comunque, significa parlare di un altro maledetto di Hollywood, un uomo che ha vissuto pericolosamente ogni istante della sua vita – o almeno così vogliono farci credere i media.
Certo, soffriva di insonnia. Certo, era un appassionato di scacchi. Certo, era amico di una delle due gemelle Olsen, probabilmente quella stupida delle due, che si distingue da quella intelligente per ESATTAMENTE NESSUN MOTIVO. Certo, era sopravvissuto a notti infuocate con Michelle Williams, Naomi Watts e Heather Graham. Ma niente di tutto ciò può essere etichettato come “vivere pericolosamente”. “Trattarsi bene”, al limite. “Scoparsi le peggio fighe”. Ma “vivere pericolosamente”? Quello è meglio lasciarlo fare a chi se ne intende, come…
[PAGEBREAK] 7.
James Dean


«Gioventù bruciata da una permanente»

D’accordo, probabilmente l’inclusione di Jimmy in questa classifica è più un omaggio al mito che a una sua vera o presunta “vita da film”. In fondo, cos’ha fatto il ragazzo di veramente folle? Uhhh, grandi mattane come “essere molto legato alla madre”, “essere figlio di un dentista” e “andare male a scuola”! Questo sì che è licenzioso!

San Pietro: «Figliolo, benvenuto in Paradiso!»
Jimmy: «Ma… Paradiso? Io pensavo che…»
San Pietro: «Tu sei stato buono, figliolo, e hai onorato il padre e la madre! Ri-benvenuto in Paradiso!»
Jimmy: «Ma San Pietro, io… io ho preso cinque in matematica!»
Satana: «SEI MIO! SEI FINALMENTE MIO! BRUCIA TRA LE FIAMME DELL’ADE, BASTARDO!!!»

Ma un mito non nasce senza motivo. E il mito di James Dean è nato in seguito alla sua passione per le corse automobilistiche, che lo portò a SCHIANTARSI FORTISSIMO contro una Ford Custom Tudor coupe (che è qualcosa di simile a quella linkata, però non uguale, anche perché quella linkata in realtà è una verdura).
Uuuuh, morto in un incidente stradale! Questo sì che è ribelle!

Be’, sì. State a sentire perché.
La macchina con cui James Dean si schiantò, una Porsche 550 Spyder soprannominata Little Bastard, era stata disegnata su misura da George Barris.
George Barris è il tizio che disegnò LA BATMOBILE.

James Dean 1 – Mondo 0

Una settimana prima della sua morte, James mostrò il suo bolide a un tizio che aveva appena conosciuto in un ristorante. Questo tizio profetizzò: «Se salirai su questa macchina, morirai entro una settimana».
Ebbene, questo tizio era Alec Guinness.

James Dean 2 – Mondo 0

Un attimo, un attimo.

Riassunto: James Dean morì su UNA BATMOBILE in seguito a una profezia di OBI-WAN KENOBI travestito da BAMBINA DI THE RING.

D’accordo, rettifichiamo: James Dean 5 – Mondo 0. Game, set, match.
[PAGEBREAK] 6.
Johnny Depp


«What did you say? I said, I can’t hear you over the sound of how awesome I am!»

Sì, OK, d’accordo, Johnny Depp bla bla è fichissimo bla bla Dio quanto è bello bla bla. Johnny Depp è talmente fastidiosamente fico che non si riesce neanche a inventarsi battute su di lui, perché basta guardare la sua foto per perdere la verginità sei volte in sei buchi diversi. Johnny Depp è così NOIOSAMENTE FICO che esiste una band hardcore di New York che si chiama GAY FOR JOHNNY DEPP.

Il punto è che Johnny Depp è fico in modo noioso. Sentite qui: è figlio di una cameriera di nome Betty Sue. Ha sangue tedesco, irlandese e cherokee, ed è discendente di una famiglia di ugonotti trasferitisi in Virginia nel 1700. Quando aveva otto anni cominciò a praticare l’autolesionismo in seguito al divorzio dei genitori, e successivamente si tatuò addosso UN PO’ QUALSIASI COSA. A MANI NUDE.
A sedici anni scappò di casa con la sua chitarra perché voleva suonare il rock ‘n’ roll. Siccome quando sei Johnny Depp ti va tutto bene, finì per suonare di spalla ai Talking Heads e a Iggy Pop (questo è il momento in cui ti viene voglia di mandarlo seriamente affanculo).
Poi conobbe Nicolas Cage, che gli trovò una particina in un film: doveva venire squartato da Freddy Krueger. Johnny accettò, e così cominciò la sua carriera di attore. Durante la quale si drogò un sacco, fece sesso con un sacco di donne, venne arrestato una o due volte e infine conobbe Vanessa Paradis. Si sposarono ed ebbero due bambini.

Oggi vivono su un’isola caraibica. Di proprietà di Johnny Depp. L’isola si chiama FUCK OFF ISLAND. Depp e la Paradis vivono ancora insieme e si amano teneramente. Depp ha dichiarato che la Paradis gli ha salvato la vita bla bla basta droghe bla bla l’amore bla bla.

Riassunto: Johnny Depp è il Mario Rossi delle vite spericolate. Quanta banalità, Johnny. Quanta banalità.
[PAGEBREAK] Bonus track
Tom Cruise


«Ciao! Ti interessa fare un test psicologico per scoprire SE SEI DAVVERO FELICE?»

Apparentemente, Tom Cruise non dovrebbe comparire in questa classifica. Vero, ha una passione per l’alpinismo e l’arrampicata estrema, soprattutto su bionde da urlo (di piacere) o su brune da urlo (di terrore). Ma a parte questo?

Be’, è semplice: Tommaso Crociera SA.
SA che la Terra è stata punita per i suoi peccati 75 milioni di anni fa. SA che esistono gli spazioplani, perché ha superato l’OT3, IL MURO DEL FUOCO. SA che i nostri corpi sono invasi dai thetan, che attendono solo di essere liberati. SA che miliardi di alieni furono deportati in un vulcano terrestre e uccisi grazie al sapiente uso di BOMBE A IDROGENO. SA che la causa di tutto ciò è XENU, il Dittatore della Confederazione Galattica.

Tom Cruise SA, e ciononostante non è impazzito.
Altrimenti farebbe cose tipo, boh, mangiare placenta? Saltare come un ossesso sul divano di Oprah Winfrey? SPOSARE KATIE HOLMES?
[PAGEBREAK] 5.
Hedy Lamarr


«Tu dare me tutto tuo pene sì?»

Hedwig Eva Maria Kiesler, ebrea austriaca dell’alta borghesia, figlia di una pianista e di un direttore di banca, sposata con Friedrich Mandl, fabbricante d’armi ebreo amico di Hitler e Mussolini.
Potremmo anche fermarci qui, sì?

E invece no. Proseguiremo, raccontandovi come Hedy Lamarr sia protagonista del primo nudo della storia del cinema: nel film cecoslovacco “Ecstasy”, la dolce Hedy corre nuda nei boschi, per poi essere ripresa in primo piano durante un orgasmo. Voci non confermate sostengono che il film abbia anche una trama.

Andremo ancora avanti, spiegandovi che il marito di Hedy comprò TUTTE LE COPIE ESISTENTI di “Ecstasy” per distruggerle. D’altronde era il genere di uomo che teneva la moglie segregata in casa per gelosia. D’altronde, la moglie.

Potremmo poi dirvi che Hedy odiava i nazisti, quindi nel 1937 convinse il marito a dare un party, indossò tutti i suoi gioielli più costosi, quindi narcotizzò il marito, si travestì da cameriera, nascose i gioielli e fuggì a Parigi, poi a Londra, infine a Hollywood. Qui, oltre a recitare in qualche film qui e là – tipo “Sansone e Dalila” di Cecil B. DeMille e “Zeigfeld Girl” insieme a Judy Garland – conobbe il compositore George Antheil. Con il quale decise di inventare un Sistema di Comunicazione Segreta, basato su qualcosa che c’entra con il pianoforte, le frequenze e l’espansione di spettro (Hedy era un genio in matematica). Il brevetto venne ritenuto «troppo complicato» dalla Marina degli Stati Uniti.

Venne ripreso qualche anno dopo, e fu alla base dell’invenzione delle tecnologie wireless.

Riassunto: Hedy Lamarr ha inventato il cinema porno, “Harry ti presento Sally” e l’Internet.
[PAGEBREAK] 4.
Mickey Rourke


«Ti ammazzo. Con i mattoni»

Punto numero uno: Mickey Rourke, figlio di una francese e un irlandese, è nato in un posto che si chiama SCHENECTADY.
SCHENECTADY.
I suoi genitori divorziarono bla bla era piccolo bla bla; d’ora in avanti salteremo questa parte, poiché è noiosa.

Punto numero due: il suo padre naturale era un body builder, cioè uno che è grosso e mena. Il suo patrigno era un poliziotto di Miami Beach.

Punto numero tre: prima di diventare un attore, Mickey Rourke è stato un pugile per otto anni, con un record di 20 vittorie e 6 sconfitte.

Punto numero quattro: Mickey Rourke è stato un alcolista, e ha preso così tante botte che si è dovuto sottoporre a operazioni di plastica facciale per smettere di assomigliare a una pizza margherita.

Punto numero cinque: Mickey Rourke ha recitato, tra le altre cose, in “Barfly” (dove faceva la parte di un alcolizzato), in “The Wrestler” (dove faceva la parte di uno che mena) e in “Sin City” (dove faceva la parte di un alcolizzato che mena).

Punto numero sei: Mickey Rourke ha rifiutato ruoli tipo quello del poliziotto in “Gli intoccabili”, quello del poliziotto in “Beverly Hills Cop” e quello del poliziotto nel “Silenzio degli innocenti”.

Riassunto: il divorzio dei genitori ha creato QUALCHE PROBLEMA a Mickey Rourke. Il patrigno di Mickey Rourke doveva essere una bella persona. Al solo pensiero dell’esistenza di Mickey Rourke, Freud si masturba urlando nella sua tomba.
[PAGEBREAK] 3.
Christopher Lee


«Nessuno scherza sulle mia basette, GANDALF IL CALVO!»

Basterebbero LE PREMESSE della vita di Christopher Lee per chiudere qui l’articolo, il sito, la vita. Sentite qui: Sir Christopher è nato a BELGRAVIA, figlio della Contessa Estelle Marie Carandini di Sarzano e del luogotenente colonnello Geoffrey Trollope Lee. Estelle Marie, una “EDWARDIAN BEAUTY”, aveva posato per i pittori John Lavery e Oswald Birley, nonché per la scultrice Clare Sheridan.
Bla bla divorzio, bla bla la sua famiglia si trasferì in Svizzera, dove, con sprezzo del pericolo, Lee riuscì a sopravvivere alla noia. Dopo aver recitato nel ruolo di Rumpelstiltskin, Lee fu espulso dalla Svizzera per disturbo della quiete pubblica (aveva ripetuto troppe volte ad alta voce il nome del suo personaggio), e ritornò con la sua famiglia a Londra. Qui, la madre sposò lo zio di Ian Fleming – tipo, quello di James Bond.
Nel 1939, Lee assistette all’esecuzione di tale Eugene Weidmann AKA l’ultimo condannato a morte DELLA STORIA DELLA FRANCIA. Se vi state chiedendo cosa ci facesse in Francia, be’, ci piace pensare che attraversò la Manica a nuoto solo per poter essere presente.

A questo punto le cose si fanno interessanti.
Non per la carriera di attore di Lee, che conosciamo tutti benissimo e che comprende ruoli come Dracula, Nosferatu, Dracula, Saruman, Dracula, il mostro di Frankenstein, Dracula, la Mummia, Rasputin, Dracula, il conte Dooku, la voce narrante in un disco dei Rhapsody.
No, il punto è che Christopher Lee si arruolò nell’esercito inglese durante la Seconda Guerra Mondiale perché voleva spaccare dei culi. Si unì ai finlandesi durante la campagna d’inverno del 1939. Poi entrò nella RAF, prima come pilota, poi come membro dell’intelligence. Dopodiché, annoiato dalla trivialità dei combattimenti quotidiani, divenne membro della SOE, Special Operations Executive.

Cioè, la squadra speciale di apritori di culi di Winston Churchill.

Altresì conosciuta come “l’esercito segreto di Churchill”.

O come “The Ministry of Ungentlemanly Warfare” (traducetevelo voi, se avete il coraggio).

Una squadra che aveva ricevuto da Churchill il compito di «dar fuoco all’Europa».

LETTERALMENTE.

Riassunto: Christopher Lee è Saruman. Winston Churchill è Sauron.
[PAGEBREAK] 2.
Bela Lugosi


«Christopher CHI?»

La vita di Bela Lugosi è, di fatto, un film. Non nel senso che ASSOMIGLIA a un film. Nel senso che “Ed Wood” è un capolavoro e tutti dovreste vederlo, altrimenti siete brutte persone.
Ci sarebbe tanto da dire sulla sua carriera, sui ruoli da vampiro, mostro, assistente gobbo del dottor Frankenstein, eroe che combatte contro gli alieni. Ma noi non lo faremo, focalizzandoci invece su due periodi meno conosciuti della sua vita.

I primordi: Bela Lugosi nasce NELLA FOTTUTA TRANSILVANIA. In un paesino chiamato Lugos. Dove c’è questa cattedrale. E questo ponte. E dove l’idea di “vacanza divertente” è questa.
Dopo un’infanzia passata a succhiare sangue di vergini e trasformarsi in pipistrello, Bela entra nell’esercito austroungarico. Qui diventa prima luogotenente, poi capitano, infine viene insignito di un’importante onorificenza, assegnata a coloro che siano stati «feriti O UCCISI in un’azione di guerra bla».

Finita la guerra, Bela prosegue nella sua carriera di attore – che in precedenza aveva previsto, tra le altre cose, che lui recitasse il ruolo di Gesù Cristo, QUELLO MORTO, SEPOLTO E RISORTO.
Ma, come promesso, salteremo questa parte. Tranne che per un particolare molto importante da segnalare: nel 1948, in occasione del film “Il cervello di Frankenstein”, Bela venne scritturato per il ruolo di Dracula.
A quel tempo, però, era talmente tanto sotto con la droga che i produttori LO CREDETTERO MORTO e chiamarono un altro attore per sostituirlo. Bela si presentò comunque sul set. Dell’altro attore, tale Ian Keith, non si hanno più notizie.

La morte: Bela Lugosi morì d’infarto dopo aver letto l’ultimo copione scritto da Ed Wood. Comprensibile, vero? Bela venne sepolto VESTITO DA DRACULA, e apparve successivamente in “Plan 9 from outer space”, il capolavoro di Ed Wood.
Bela morì nel 1956. “Plan 9″ uscì nel 1959.
L’opinione diffusa è che le scene in cui compare Bela Lugosi siano state aggiunte (postume) da Ed Wood, utilizzando materiale di repertorio.
I Bauhaus sono stati i primi a capire che NON È COSÌ.

Riassunto: UNDEAD, UNDEAD, UNDEAD.


«Morto STOCAZZO»
[PAGEBREAK] 1.
Tura Satana


«Sì, amico mio. Queste sono tette. Ora morirai»

Non è facile parlare di Tura Satana. Anche impegnandosi, non c’è modo di fare battute, dire simpatiche cazzate o raccontare la sua vita con brio e allegria. E il motivo è semplice: ABBIAMO PAURA.

Ci limiteremo quindi a esporre i fatti nudi e crudi.

Tura Luna Pascual Yamaguchi nacque a Hokkaido nel 1935, figlia di un mimo giappofilippino e di un’artista del circo con discendenze irlandesi e cherokee. La sua famiglia venne deportata in un campo di concentramento in California. All’età di otto anni, Tura si svegliò e scoprì che le erano cresciute le tette. All’età di nove anni, venne stuprata da un gruppo di cinque uomini. Tura decise di studiare un po’ di arti marziali (aikido e karate) e, nel corso dei successivi quindici anni, girò per l’America in cerca dei cinque uomini che l’avevano violentata. Li trovò tutti e LI MASSACRÒ DI MAZZATE, non prima di aver spiegato loro chi fosse e perché stesse facendo loro quel che stava facendo loro.
Nel frattempo, entrò in una gang di donne motocicliste («We had leather motorcycle jackets, jeans and boots and we kicked butt»). A 13 anni si sposò, ma fuggì dal marito per andare a vivere a Los Angeles, dove tentò (fallendo) la carriera di cantante blues e dove intraprese (con successo) la carriera di modella di nudo.
Divenne poi una danzatrice nel Club Rendevouz di Calumet City (DAVVERO!), con il nome di Galatea, La Statua Che Prese Vita. In breve tempo la sua carriera decollò, tanto che Tura decise di fare il grande salto e diventare ballerina di burlesque e poi stripper, lavorando con altre star dell’epoca come Rose Le Rose e Tempest Storm. Rimase incinta, ma questo non le impedì di esibirsi fino all’ottavo mese di gravidanza.

A QUESTO PUNTO, ALL’ETÀ DI VENT’ANNI, cominciò a recitare per la TV e, successivamente per il cinema. Tra i suoi film si ricordano “The Astro-Zombies” e, soprattutto, il capolavoro di Russ Meyer “Faster, Pussycat! Kill! Kill!” (1965), un delirio visionario in bianco e nero che anticipa, tra gli altri, Quentin Tarantino e il Rob Zombie di “La casa del diavolo” di qualche decina d’anni. Il film, in sostanza, parla della vita di Tura Satana, con qualche modifica per renderlo più accessibile al pubblico.

Riassunto: prendete un bel respiro prima di leggerlo. Poi girate pagina.
[PAGEBREAK] TURA SATANA È UNA PROSTITUTA SPOGLIARELLISTA CHEROKEE NINJA SAMURAI TETTONA BIKER TERRORISTA GIAPPONESE.


«CAZZO GUARDI?»

Scroll To Top