Home > Recensioni > Quintorigo: English Garden
  • Quintorigo: English Garden

    Quintorigo

    Data di uscita: 25-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Il giardino inglese dei Quintorigo

A tre anni di distanza dal tributo a Charles Mingus, i Quintorigo tornano con “English Garden”, un album composto da dodici tracce impossibile da catalogare in un solo genere musicale: si spazia dal rock al jazz per poi tornare al punk e ammorbidirsi ancora verso il soul e il blues.

Nei loro quindici anni di attività musicale i Quintorigo sono riusciti ad evolversi pur mantenendo lo stile che li ha sempre caratterizzati e che ben si sposa col nuovo cantante, Luca Sapio, entrato nel gruppo dopo John De Leo e Luisa Cottifogli. La formazione, che comprende Valentino Bianchi ai sassofoni, Andrea Costa al violino, Gionata Costa al violoncello e Stefano Ricci al contrabbasso, ha ospitato anche Juliette Lewis, alterego vocale di Sapio in due brani.

“English Garden” è come il maiale: non si butta via niente, a iniziare dalla ritmata title-track che lo apre sino alla più melodica “Burning Doubts” che lo chiude. Molto belle la rockeggiante “Teardrops” e la punkettara “Shepherd Of The Sheep” nonché la splendida “Candy Man”. A voler proprio fare i cattivi si potrebbe trovare un difetto nella pronuncia inglese non perfetta del cantante che, però, in questo caso, colora e arricchisce ulteriormente i pezzi.

Pro

Contro

Scroll To Top