Home > Recensioni > Radio Days: C’est La Vie
  • Radio Days: C’est La Vie

    Radio Days

    Loudvision:
    Lettori:

Il bello del vecchio

Prodotti sia in Italia che all’estero, i Radio Days pubblicano il secondo album mantenendo il loro stile rock scanzonato che li contraddistingue da sempre.

La band milanese crea interesse attraverso l’uso di chitarre elettriche pulite e mai violente. Riescono però a far crescere nell’ascoltatore la voglia di seguire il ritmo delle canzoni battendo il piede e facendo muovere la chioma con taglio Beatles.

“C’est La Vie” è proprio un puro riferimento al gruppo di Liverpool e a uno stile spensierato tipico degli anni ’60.

Viene da chiedersi se sia cosa buona e giusta che un’evoluzione musicale durata cinquant’anni sia tornata al punto di partenza. Ci sta tutto e ci stanno anche i Radio Days, anche perché a tratti sembra di ascoltare i Green Day senza la vena punk.

Gli auguriamo buona fortuna, soprattutto perché sono stati prodotti all’estero, ed il made in Italy, va da sé, è sempre fonte di orgoglio per noi.

Pro

Contro

Scroll To Top