Home > Recensioni > Raf: Numeri
  • Raf: Numeri

    Raf

    Loudvision:
    Lettori:

La legge dei grandi numeri

A tre anni da “Metamorfosi”, Raffaele Riefoli parte per l’ennesimo viaggio, alla scoperta delle tonalità dell’amore e delle profondità dell’animo umano.

Nella title track, da buon padrone di casa, lascia la ribalta a Frankie Hi NRG e Nathalie.
Cuoricini a piena manetta con “Senza Cielo”, “Ogni Piccola Cosa”, “Mai Del Tutto”, che tratteggiano amori insoluti, quelli dal tizzone ancora vivo, benché sommerso sotto la cenere.
In più, come accade da “Cannibali” in poi, Raf affronta anche alcune problematiche sociali, smentendo il comune sentire che lo ghettizza dietro gli steccati della canzone romantica.

Il portabandiera del pop pralinato ai sentimenti prosegue sulla strada tracciata da “Iperbole” nel 2001, ricreando atmosfere intime e impalpabili. Parole semplici, sapientemente combinate tra loro, schivano la ripetitività delle tematiche con invidiabile disinvoltura. Nonostante l’inevitabile rimpasto dei cardini della romanza, non ci sono contraccolpi evidenti, questo anche grazie a impianti melodici funzionali al tessuto linguistico. Promosso.

Pro

Contro

Scroll To Top