Home > Recensioni > Raina: Geneticamente Microfonato
  • Raina: Geneticamente Microfonato

    Bizzarri Records / none

    Data di uscita: 24-05-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Dopo la prova da solista già tentata nel 2010, Raina, membro della storica Villa Ada Posse, esce con il suo “Geneticamente Microfonato”. 9 tracce in linea con la competenza musicale di Raina il quale, assieme al resto della crew, fa parte dei “pionieri” che hanno diffuso il genere reggae/dancehall made in Italy.

Effettivamente all’ascolto si respira un clima piacevolmente “old school”, creato dalla consapevolezza di chi ha imparato il mestiere sul campo, grazie anche alla track d’apertura “Come Corre”, una carrellata sulle esperienze dell’autore con quel po’ di nostalgia per l’hip hop anni ’90 e, velatamente, per la vita di quegli anni.

Le tracce successive sono il ritratto ironico di alcuni lati grotteschi della società e di noi stessi che la dancehall riesce ad alleggerire, così come i toni confidenzialmente amichevoli di Raina ci fanno sentire contemporaneamente assolti e responsabili:  “4G” è la canzone/canzonatura dedicata a tutti gli internet-dipendenti, “La Gente è Pazza” col featuring di Brusco che denuncia la passività della coscienza “di massa” di fronte ai soprusi e alla mancanza di libertà, “Nato Stanco” per tutti i pigri inadeguati per mondo del lavoro, “Stamo Ancora Qua” sulla cattiveria e l’invidia che serpeggiano anche nel mondo della musica.

Più tradizionali e da repertorio “Sorrido”, “I Love Jamaica” (dove Raina si cimenta con la lingua patwah), l’irriverente “Ganjamelier” che segue la politica di legalizzazione per cui i Villa Ada Posse sono da sempre schierati, mentre alla fine l’improvvisa sterzata verso il punk con “Lei Non Esce”.

Un disco che senza dubbio farà cosa gradita ai followers dei Villa Ada, a coloro che amano la solarità della Jamaica col valore aggiunto di quel sarcasmo tipico “romanesco” che colpisce il bersaglio senza però dimenticarsi di strapparci subito un sorriso.

Pro

Contro

Scroll To Top