Home > Recensioni > Raiz: Ya
  • Raiz: Ya

    Raiz

    Loudvision:
    Lettori:

Onde Sonore Mediterranee

Il terzo disco solista di Raiz ci racconta il Mediterraneo con canzoni che sono semi da cui fioriscono colori, paesaggi e la voce del mare che a volte è la stessa del cuore.

C’è il sole che brucia la carne della travolgente “Ya” e le stelle non mosse dalla brezza che ci agita i capelli, soffiata da “Rinasco Più In Là”. Il ritmo ska di “Full Of Love” è quello dei nostri passi in un campo dorato e l’arabeggiante “Yada Shali” è una corsa in Vespa nelle polverose strade di una città che potrebbe essere Tunisi o Napoli.
Questo disco sembrerebbe scritto da un artista di qualsiasi paese mediterraneo ma può essere figlio solo di un artista che appartiene a tutti questi mondi contemporaneamente.

“Ya” è un lavoro che raccoglie in modo esemplare la storia di Raiz, sia dal punto di vista musicale che da quello personale. Per questo tra reggae e dub troverete i suoi viaggi, tra percussioni tribali e chitarre gitane le sue origini, e le parole vi racconteranno tante storie, soprattutto la sua.

Pro

Contro

Scroll To Top