Home > Recensioni > Ramos – Hugo: The Dream
  • Ramos – Hugo: The Dream

    Ramos – Hugo

    Data di uscita: 10-10-2008

    Loudvision:
    Lettori:

AOR secondo la vecchia scuola

Che Hugo Valenti abbia un timbro di voce del tutto simile a quello di Steve Perry è risaputo. Così come è celebrato il virtuosismo del chitarrista Josh Ramos e delle tastiere di Eric Ragno. Aggiunto poi l’arcinoto drummer John Macaluso, e sotto la supervisione di Fabrizio Grossi in veste di produttore, è sorto il progetto Ramos-Hugo. Il tutto per un revival in grande stile dei mai tramontati Journey. La nuova proposta della Frontiers Records, così, oltre a fare il verso alla band di San Francisco, si avvicina anche ai Work Of Art, fotunato debutto discografico dell’anno passato, con cui la stessa label ha dato il via ad una serie di release rivolte al filone più classicista dell’A.O.R. statunitense (vedasi anche i più recenti From The Inside di Danny Vaughn).

“The Dream” opera un uso smodato delle melodie e delle ballate, intervallate da qualche mezzo tempo. Ottimamente arrangiate e mai banali, le dieci tracce si valgono anche di una entusiasmante componente coristica. Gli assoli di Valenti, tuttavia, restituiscono alla musica il proprio vigore, senza lasciare che il prodotto diventi eccessivamente mellifluo, filo su cui l’album viaggia spesso.
Le note a pié pagina ed i rimandi ai Journey, ai TEN ed a tutto il firmamento dell’AOR sono infiniti, talché in questa sede sarebbe inutile elencarli. Ma, ciò nonostante, il Sogno di Ramos ed Hugo presenta una facciata di gradevolezza che nessun plagio sarebbe in grado di scalfire.

Scroll To Top