Home > Recensioni > Raven: Walk Through Fire
  • Raven: Walk Through Fire

    Raven

    Loudvision:
    Lettori:

Athletic rock is back!

La band dei fratelli Gallagher è tornata. Gruppo di assoluto rilievo nella scena heavy degli anni 80, fautore del cosiddetto athletic rock e fondamentale per lo sviluppo del thrash, i Raven, dopo il brutto incidente occorso a Mark Gallagher nel 2001, ritornano in campo con il nuovo “Walk Through Fire”.

Seppur con qualche anno e qualche chilo di troppo, la proposta del combo inglese è ancora sfacciatamente debitrice di un’estetica ottantiana. Veloci, potenti e scalmanati come allora, senza disdegnare momenti più pacati e melodici, soprattutto nei ritornelli, ed episodi vagamente funky e blues. Ma questo è il 2010, non il 1980, e dal trio di Newcastle ci aspettavamo qualcosina di più.

Tralasciando, ma neanche troppo, che il cd è assolutamente anacronistico e che quindi difficilmente farà breccia nei cuori dei giovani metal kids, “Walk Through Fire” è un prodotto di scarso livello. È il songrwriting soprattutto a perdere il brio di una volta, risultando piatto e poco dinamico. Da segnalare invece la riuscita e affascinante cover di “Space Station #5″ dei Montrose.

Pro

Contro

Scroll To Top