Home > Recensioni > Ravin & Nicholas Sechaud: Dubai Eklektic Vol. 3

Correlati

Feel the groove

Questa è la terza compilation del chill-out project Dubai Eklektic firmato Ravin, il dj di origine indiana, meglio conosciuto come uno dei producer delle celebri raccolte deep-house Buddha Bar.
Anche stavolta i cultori del genere non rimarranno delusi: Ravin, nel corso delle 26 tracce, miscela con maestria percussioni afro, sonorità minimal e l’immancabile sound, ormai marchio di fabbrica, lounge/chill-out.
Un ascolto perfetto per un aperitivo in riva al mare, oppure per un post-serata rilassante, ma che risulta un po’ pesantuccio, se si ricerca un prodotto danzereccio o perlomeno stratificato.
A meno che non siate dei dj, perfetto a piccole dosi, stucchevole in quantità eccessiva.

Ravin, coadiuvato dal dj e socio francese Nicholas Sechaud, propone un doppio disco che scorre lungo il fil rouge del lounge minimale e presenta tracce gradevoli, come “This Time” (Lovebirds feat. Novika) dal beat ipnotico, oppure la lussureggiante “Secret Letter (Triangle Sun)”, ma che in sostanza, non riesce a spiccare per originalità, limitandosi a riproporre sonorità già sentite, discostandosi poco dai precedenti Dubai Eklektic.
Piacevole, ma non entusiasmante: si può osare di più.

Pro

Contro

Scroll To Top