Home > Recensioni > Raw Power: Resuscitate
  • Raw Power: Resuscitate

    Raw Power

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Hardcore baby

“Resuscitate”: un titolo – un programma per la band culto di Marco Codaluppi, che torna a mettere in musica il rumore dopo troppi anni di silenzio. E al risultato si legge: zero innovazione, 100% punk hardcore.

Nel disco con su il maiale scorrono 27 tracce tra il breve e il brevissimo, tirate, arrabbiate, anti-melodiche con poche eccezioni. La sezione ritmica attacca, prende il tempo e non si ferma più. La solita chitarra scava senza tregua alla ricerca delle dissonanze. Ma l’anima è una sola, è un frontman che canta e urla, credibile e determinato nel suo ruolo anche dopo 30 anni di esperienza.

Tra i molti brani, si possono segnalare “State Depression”, “Fear Of The Dead” e “The Fun’s Over”.

Non ci deve essere nessuna esitazione nell’acquisto di “Resuscitate” per gli amanti di questo sotto-genere. Le sonorità sono logicamente vetuste, ma è un “usato” che si può considerare garantito. La resa è pulita e moderna, lo scorrimento impetuoso, come un corpo unico che spintona.
Dopo l’ascolto integrale è consigliato un buon digestivo.

Pro

Contro

Scroll To Top