Home > Recensioni > 127 Ore

Correlati

La forza inamovibile di un masso e del destino

James Franco interpreta Aron Ralston, amante del trekking e del biking che si avventura in solitaria per un’escursione nel Canyon Blue John dello Utah. Partito senza avvertire nessuno, si ritrova con il braccio bloccato da un masso caduto all’improvviso che lo tiene imprigionato senza permettergli di muoversi. Con pochissima acqua e senza cibo il ragazzo sopravvive per cinque giorni fino a quando trova il coraggio di compiere un gesto estremo per salvarsi la vita.

OneLouder

Molto più equilibrato e onesto di “The Millionaire”, l’ultimo film di Danny Boyle entusiasma e convince per il suo stile particolare e per la capacità di tenere incollati allo schermo con l’avventura drammatica del protagonista, quasi sempre solo sullo schermo, lasciato a confrontarsi con se stesso e con la morte. Tra flashback, allucinazioni e visioni, accompagniamo il ragazzo in questo percorso sofferto ed estremo. E non si tralasciano neanche le forti emozioni come nella sequenza in cui il protagonista immagina la vita del masso sin dalla sua nascita come se fosse stato creato proprio per aspettare lui in un appuntamento inevitabile con il destino.

Pro

Contro

Scroll To Top