Home > Recensioni > 17 Ragazze
  • 17 Ragazze

    Diretto da Delphine Coulin, Muriel Coulin

    Data di uscita: 23-03-2012

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Il disincanto, molto rock, della fanciullezza

Una decisione eclatante che cambia l’esistenza di “17 Ragazze” di Lorient, piccola cittadina francese affacciata sull’Atlantico: rimanere incinte tutte insieme nell’arco di poche settimane e portare avanti la gravidanza grazie al sostegno e all’amore che ognuna trasmette all’altra. Un’adolescenza vissuta con folle languore? Un dolce gesto di ribellione collettiva? Voglia di assaporare la libertà in maniera totalizzante? Certamente sì ma molto altro. Gioco e provocazione tesseranno un affascinante ritratto di una fanciullezza che inciampa volutamente verso un futuro già assegnato. Femminilità, cambiamenti, sogni vissuti tra disincanto ed illusioni necessarie a credere in una pericolosa utopia che solo una sana incoscienza è in grado di regalare.

OneLouder

“17 Ragazze” si vive con trasporto e animo partecipe ma si fatica ad accettarlo con ragionevolezza. Sconvolgente e conturbante, i temi della femminilità, della percezione del proprio corpo e delle scelte audaci accumunano la storia di queste giovani ragazze a quella delle sorelle Lisbon del “Giardino delle Vergini Suicide” sottolineando, con sensibilità ed intelligenza, la spiccata capacità d’interpretare i tumulti tipici della fanciullezza che spesso sfociano in epiloghi inaspettati. Nessuna analisi, nessun giudizio. Il film svela con rispettosa delicatezza l’intimità dei pensieri e dei tormenti dei gesti anche nella proiezione dei propri sogni racchiusi in una poetica romantica che sfugge, inevitabilmente, ad ogni controllo.

Pro

Contro

Scroll To Top