Home > Recensioni > A Briglia Sciolta

Deliziosamente, insostenibilmente vacuo

Diffidare dei film ritagliati su misura per gli attori.

“A Briglia Sciolta”, film del 1961 con protagonista Brigitte Bardot, potrebbe essere infatti una simpatica commedia uguale a mille altre, con una storia che più classica non si può: Sofia, una ragazza abbandonata, decide di vendicarsi facendo ingelosire l’ex fidanzato, con tutto ciò che ne consegue. Una trama neutra, insomma, da cui potrebbe anche scaturire qualcosa di decente.

Il problema è che il personaggio cucito addosso alla Bardot all’unico scopo di permetterle di mostrare le sue grazie e mantenere un’espressione deliziosamente corrucciata per tutto il film, è così frivolo da risultare insopportabile. Per tacere dei personaggi secondari e della comicità alla Bagaglino che ha il suo punto più alto nell’irritante ipnotizzatore pazzo che si aggira per l’albergo.

L’unica parte davvero divertente del film è la folle corsa in auto di Sofia, appena dopo i titoli di coda, per cercare di arrivare in tempo al lavoro. Terminata quella, potete anche spegnere e andare a farvi un thè.

OneLouder

Se non andate pazzi per Brigitte Bardot, evitatelo. Se siete tra i suoi fan, potete anche guardarlo. Ricordandovi di togliere il sonoro.

Pro

Contro

Scroll To Top