Home > Recensioni > A Proposito Di Steve

Correlati

Un cruciverba incompleto e mal riuscito

Mary Horowitz, donna molto singolare e logorroica, single e strampalata, lavora come creatrice di cruciverba per un giornale locale. Quando incontra Steve, un cameraman, ad un appuntamento al buio si convince che sia l’uomo della sua vita, anche se questi scappa inorridito dalla sua incessante parlantina e dal suo vizio di approfondire con nozioni enciclopediche qualsiasi argomento di conversazione. La donna seguirà il cameraman in giro per l’America a caccia di scoop impensabili da proporre al pubblico, cercando di convincerlo di essere la donna giusta per lui. Di qui una serie di disastri di proporzioni epiche che però mal si amalgamano alla trita e stucchevole morale di fondo narrata dai pensieri della protagonista.

OneLouder

Una commedia che più che far ridere, riesce ad infastidire per la disomogeneità dei toni, per la stupidità insita in molte situazioni e in quasi tutti i personaggi di contorno e che soprattutto usa questa stupidità non in maniera comica e spassosa, ma involontariamente macchiettistica, oltre che stereotipata. Una comicità blanda e malriuscita, che si mescola al road-movie di formazione, ai sentimentalismi da quattro soldi e alla parodia, fiacca e inconsistente, del mondo dell’informazione. Un vero e proprio buco nell’acqua, proprio come un cruciverba non finito.

Pro

Contro

Scroll To Top