Home > Recensioni > Aiuto Vampiro

Psycho circus…

Cosa succede se il fantastico irrompe nella vita di un adolescente americano qualunque e la sconvolge, annientando i suoi legami famigliari, le amicizie e tutto ciò in cui credeva? Questo è quanto accade al protagonista di “Aiuto Vampiro”, tratto dai primi due romanzi della saga di Darren Shan. Dopo aver assistito allo spettacolo del Cirque du Freak, Darren decide di rubare Madame Octa, il ragno del Vampiro Larten Crepsley. Ma l’animale morde il migliore amico di Darren, che si ritrova a dover stringere un patto con l’ambiguo vampiro per salvare la vita di Steve. Inizia per lui una serie di avventure al limite dell’incredibile al seguito degli stravaganti artisti del Circo, che lo porteranno ad accettare la sua nuova natura di mezzo vampiro e a rimettere in discussione il suo rapporto con Steve…

OneLouder

Quasi un film fantasy on the road, dove si esplora il rapporto simil paterno fra il vampiro (John C. Reilly) e il suo giovane assistente. La presenza di grandi star del cinema in brevi, preziosi cameo (soprattutto come caratteristi: vedi ad esempio Willem Defoe in una parodia/omaggio a Vincent Price o Ken Watanabe, lo stravagante direttore artistico Mr Tall) conferisce una nota di colore ancora più vivida al grottesco mondo del circo, che Weitz sembra aver creato mescolando “Moulin Rouge”, “The Rocky Horror Picture Show” e “Il Dottor Parnassus…”. Che lo spettacolo abbia inizio!

Pro

Contro

Scroll To Top