Home > Recensioni > Almanya – La Mia Famiglia Va In Germania
  • Almanya – La Mia Famiglia Va In Germania

    Diretto da Yasemin Samdereli

    Data di uscita: 07-12-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

We all go back to where we belong

Campione d’incassi in patria, “Almanya” è una commedia che racconta la storia dell’emigrazione e dell’integrazione in Germania di una famiglia turca. La modalità è a metà tra l‘on the road e il c’era una volta, con una ragazza che narra al cuginetto — che non sa se definirsi turco o tedesco, i compagni di scuola tedeschi non lo riconoscono come tedesco, e quelli turchi non lo accettano come turco — le peripezie del nonno, arrivato in Germania negli anni ’60 come Gastarbeiters, ossia “lavoratore ospite”. Dopo cinquant’anni, proprio nel momento in cui il nonno e la nonna hanno acquisito la cittadinanza tedesca, il nonno rivendica la sua identità turca, e da buon patriarca compra una casa nel paesino d’origine e obbliga tutta la famiglia ad andarci in vacanza. Presentato all’ultimo Festival di Berlino, il film segna il debutto cinematografico delle giovani Yasemin e Nesrin Samdereli, rispettivamente regista e co-sceneggiatrice, che hanno voluto raccontare in forma di commedia i loro ricordi.

OneLouder

Film di grande attualità, considerato che in Germania vive la più grande comunità turca d’Europa, poco meno di due milioni, arrivata ormai alla quarta generazione. Dopo Fatih Akin, sembra esser nato un filone turco-tedesco, che affronta i temi dell’identità e della multiculturalità, il più delle volte con un registro drammatico. Questa volta ci troviamo di fronte ad una commedia godibilissima, che trova il tono che più le è congeniale nel grottesco, e nella resa dei ricordi dell’infanzia con l’immediatezza e e la comica e tenera spontaneità dell’infanzia. Un po’ scanzonata, verso la fine dà spazio alla retorica del glucosio.

Pro

Contro

Scroll To Top