Home > Recensioni > Amore, Bugie & Calcetto – L’Abc Della Vita Moderna
  • Amore, Bugie & Calcetto – L’Abc Della Vita Moderna

    Diretto da Luca Lucini

    Data di uscita: 04-04-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

In campo come nella vita

Compito improbo, per il regista Luca Lucini, ripetere il successo sorprendente di “3 Metri Sopra Il Cielo”. Coup de teatre, il cineasta decide di non provarci neanche, a ripercorrere quel sentiero, e sceglie di virare con decisione verso una commedia italiana classica e corale, recuperando un paio di giovani virgulti della nuova scena italiana (gli attori Chiara Mastalli e Andrea De Rosa) e puntando forte sul carisma consolidato di un pugno di veterani tra cui spicca, per istrionismo e verve, un Claudio Bisio particolarmente brillante.
Trama intricata come un nodo gordiano, le linee narrative s’irradiano a partire da un campo di calcetto. Non casualmente, se è vero che il film prende le mosse da una massima storica di Nereo Rocco (ma si apre con un altro filosofo, stavolta ufficiale, Socrate): “Nella vita si è come si è in campo”. E allora il paradigma narrativo del torneo di calcetto è un motore attorno al quale ruotano coppie in crisi, tradimenti, gravidanze inattese e problematiche.
La sceneggiatura regge sufficientemente bene alla mole dell’intreccio, e non era facile dato l’effetto domino generato dagli innumerevoli incroci tra i tanti personaggi, mentre Lucini si concede anche piacevoli escursioni autoriali, lavorando sulle inquadrature, sui movimenti di macchina, prassi spesso dimenticata dal cinema più leggero. Certo, sul finale si fa spazio il politically correct, ma c’è sempre un sapido retrogusto critico a stemperare il buonismo, e il film strappa sorrisi, innesca domande (!) di spessore a volte notevole. E – forse perché parliamo di calcetto, e non dell’intoccabile Serie A – anche le sequenze sportive non sono poi così grottesche o artificiose come ci si potrebbe aspettare. Poche le cadute nel macchiettismo all’italiana, buona verve del copione, nessuno scadimento nella presunzione. Film misurato e piacevole.

Scroll To Top