Home > Recensioni > An Education

Non piovono polpettoni

Londra, 1961. Jenny è una ragazza di 16 anni, prima della classe, figlia della medio bassa borghesia inglese con grandi aspettative alle spalle. Ad un passo dalla sua ammissione ad Oxford, incontra David, 32 anni, ebreo dalla personalità ipnotica e decisamente anticonformista che vive in mondo fatto di artisti e sognatori. Il solito polpettone sentimentale ammazza neuroni alla “Scusa Ma Ti Chiamo Amore”? No. La penna di Nick Hornby ci racconta, attraverso la sapiente regia di Lone Scherfig, una storia affatto scontata, ricca di spunti riflessivi e a tratti inaspettatamente disturbante. Straordinario dal punto di vista estetico e della fotografia, si profila indubbiamente come uno dei titoli più interessanti usciti in questa stagione cinematografica.

OneLouder

“An Education” non è un film per ragazzine adolescenti: è un film per adulti. Ispirato al saggio autobiografico della giornalista inglese Lynn Barber, si avventura attraverso tematiche scomode, affrontandole con serietà sempre senza appesantire lo spettatore. Un applauso a Carey Mulligan, perfettamente calata nella parte di Jenny, che incarna con spirito disincantato e maturo il mito di “Le Piccole Donne Crescono”.

Pro

Contro

Scroll To Top