Home > Recensioni > Angeli E Demoni

Angeli E Demoni

Dan Brown strikes back!

Al bestseller non si può dire di no: dopo “Il Codice Da Vinci”, Dan Brown torna sul grande schermo, stavolta con la trasposizione cinematografica del suo “Angeli E Demoni”. Ovviamente, squadra vincente non si cambia, e allora sono ancora una volta della partita tanto il regista Ron Howard, ormai uno dei più prolifici autori mainstream a stelle e strisce, quanto Tom Hanks nei panni di Robert Langdon – saltata, invece, la bella Audrey Tatou, che presto rivedremo nei panni di Cocò Chanel. Stavolta, a catturare l’attenzione del detective delle religioni, è la setta degli Illuminati, antico ordine segreto dedito ad attività quantomeno equivoche. Va da sé, la storia si tinge di mistero e sangue, tra omicidi, mistificazioni, bombe nascoste in Vaticano e addirittura un piano terroristico incentrato sull’uso di un’arma all’antimateria.

L’Osservatore Romano ha già stroncato libro (assai inviso anche a un esperto di thriller come Corrado Augias) e pellicola, salvando soltanto il buon Tom Hanks, ormai inattaccabile mostro sacro di Hollywood. Questo, però, non ha affatto intaccato la fiducia della Sony nel potenziale commerciale del film, presentato in anteprima assoluta a Roma il 5 maggio scorso, dopo una serie di rinvii dovuti allo sciopero degli sceneggiatori che ha scosso l’intera industria hollywoodiana per l’intero anno scorso: distribuito in ben 800 copie, c’è da scommetterci, “Angeli E Demoni” sarà il vero evento cinematografico di questa tarda primavera.

Scroll To Top