Home > Recensioni > Another Year

Un altro anno nella vita di ognuno di noi

Benvenuti a casa di Tom e Gerri, affiatata coppia londinese – lui geologo, lei psicologa – ancora teneramente innamorati dopo decenni di matrimonio. Come due strumenti musicali in perfetta armonia, hanno costruito fra le pareti domestiche un invidiabile microcosmo di equilibrio, serenità e comprensione dove chiunque può trovare conforto e riparo da guai e miserie. Fra amici e parenti più o meno depressi e (dis)turbati, spicca un’amica di Gerri, Mary, un imbarazzante condensato di tic, nevrosi e debolezze da manuale.

Ignorato dal Palmarés dell’ultimo Festival di Cannes e candidato all’Oscar per la sola sceneggiatura originale, il nuovo film di Leigh è una commedia pacificata eppur spietata, dove l’insanabile infelicità di alcuni personaggi risalta proprio in contrasto con la stoica felicità degli altri. Ma, come dice Gerri, “la vita non è mai generosa con tutti”.

OneLouder

Scandito dal ritmo lento delle stagioni, dai lavori nell’orto e dai barbecue domenicali, il grande regista inglese tratteggia con la consueta finezza psicologica un affresco umanissimo che ha il sapore, i tempi, l’ironia e la crudeltà della vita vera. Mantenendosi pressoché invisibile dietro la macchina da presa, lascia campo libero alla sua orchestra di attori, tutti magnifici, e concede degli assoli strepitosi a Leslie Manville, capace di rendere adorabile e commovente un personaggio patetico e miserevole.

Pro

Contro

Scroll To Top