Home > Recensioni > Baby Love

Etica ed estetica

Manu (Lambert Wilson), pediatra, avverte un crescente desiderio di paternità. Philippe (Pascal Elbé), il compagno di Manu, non ne vuole sapere. Sono due adulti posati e seri, perfettamente inseriti, molto distanti dalle rappresentazioni dell’omosessualità che dominano all’interno della società e della produzione cinematografica nostrana. Al di là del valore intrinseco della pellicola, “Baby Love” può avere un’utilità: quella di metterci nuovamente di fronte a una certa arretratezza culturale rispetto ai cugini d’oltralpe.

Manu è così determinato ad avere un figlio che è disposto a compromettere il rapporto con Philippe; tenta la strada dell’adozione, ma a causa del suo orientamento sessuale non può avere successo. Decide così di cercare una madre surrogata, e avvicina Fina (Pilar Lopez De Ayala): è una studentessa argentina irregolare conosciuta in seguito a un piccolo incidente stradale. Dalla proposta di uno “scambio di favori” nascerà un rapporto di affetto e amicizia particolare.

Il tono del film è quello della commedia brillante ed è caratterizzato da un umorismo raffinato decisamente efficace. Le interpretazioni sono notevoli, in particolar modo quella di Wilson, già noto per la presenza in molte pellicole di Alain Resnais. Tuttavia la levità e il gusto per la risata sembrano a volte forzati, e tendono a voler rassicurare lo spettatore anche laddove il film lascia trasparire i piccoli cinismi e le grandi tristezze di una vicenda che non può non avere risvolti drammatici neppure nella più liberale delle società.

Se la rappresentazione della coppia gay è particolarmente curata, lascia un po’ a desiderare quella dei comprimari eterosessuali: si sacrificano, si rassegnano o vengono gestiti con una certa crudeltà per finalità comiche. Fa alzare un sopracciglio anche l’estrema borghesia dell’insieme, un’idealizzazione della realtà che non conosce problematiche socioeconomiche. Malgrado le intenzioni del regista, quindi, “Baby Love” resta tutto sommato imprigionato in se stesso e nelle tematiche che tratta.

Scroll To Top