Home > Recensioni > Batman

Questa città ha bisogno di un clistere!

Nel 1989, se facciamo eccezione per Superman, nessuno aveva ancora tentato di portare sul grande schermo i famosi supereroi del fumetto americano, ed era opinione diffusa che un tentativo in questo verso si sarebbe rivelato come un gigantesco flop.

Fu la Warner, forte del suo impero cinematografico, a decidere di invertire questa tendenza, consegnando nelle mani di un giovanissimo e semisconosciuto Tim Burton la regia di “Batman”, un kolossal da 58 milioni di dollari. Inutile dire che le critiche non si fecero attendere, soprattutto quando la Warner dichiarò che il ruolo di Bruce Wayne sarebbe stato ricoperto da un famoso attore comico dal fisico non esattamente impressionante (Michael Keaton).
Il film si rivelo tuttavia un vero successo di critica e pubblico, incassando ai botteghini ben 251 milioni di dollari solo sul suolo americano.

Batman però non è soltanto questo. Il più oscuro e tenebroso fra i supereroi (non per niente era edito dalla DC Comics) si confronta con il più oscuro e folle degli antagonisti, un magistrale Joker interpretato nientemeno che da Jack Nicholson nel teatro della più tenebrosa delle città, Gotham City, superbamente disegnata da Burton che qui riversa tutto il suo estro immaginativo.
Unico neo nella trama, la forzatissima storia d’amore fra Bruce e Viky (Kim Basinger), che i capoccia della WB imposero alla produzione.

OneLouder

Per quanto il primo “Batman” non sia all’altezza del suo seguito (stilisticamente parlando), è importante notare l’abilità con cui Burton disegna o orchestra le proprie produzioni, a sottolineare il fatto che persino il teatro dell’azione può diventare uno dei personaggi del racconto. Assolutamente da vedere.

Pro

Contro

Scroll To Top