Home > Recensioni > Before Snowfall

Correlati

Divorzio alla curda

In concorso ufficiale 16+ al Giffoni Film Festival, questa pellicola dell’esordiente Hisham Zaman non poteva trovare Paese migliore dell’Italia per essere presentato. Perché? Perché, chissà quanto consapevolmente, il film riprende tematiche e atmosfere care alla nostra commedia sociale degli anni Sessanta, principalmente per il contributo del grande Pietro Germi. Sì, in questa storia di fratelli curdi e di matrimoni combinati e falliti da vendicare per l’onore della famiglia riecheggia la Sicilia del secondo dopoguerra satireggiata da Germi in film come “Divorzio all’italiana”, ma anche da Monicelli in “La ragazza con la pistola”.

Siyar, dopo la fuga della sorella con il suo amato da un villaggio del Kurdistan iracheno, s’imbarca in un viaggio verso Occidente che lo porterà fino in Norvegia per trovarla e riportarla a casa (o almeno così crediamo). Lungo il periglioso peregrinare troverà sempre dei curdi che lo aiuteranno e indizzeranno le sue azioni, fino allo straziante finale che non vi sveliamo, e vi assicuriamo che non è il più scontato che si possa immaginare.

L’aspetto più riuscito del film sta sicuramente nella rappresentazione della prigione culturale in cui si trova Siyar, una rete di condizionamenti psicologici e comportamentali che non accenna a diminuire pur se ci si allontana di migliaia di chilometri da quella che, a volte impropriamente, chiamiamo “casa”. Il nostro destino è ineluttabilmente segnato dalle nostre origini. In questo il film prende una connotazione di inevitabilità che rimanda ad alcune parabole della grande stagione del gangster movie hollywoodiano, fino ad arrivare ad esempi più recenti ma non meno validi come “Carlito’s Way” di Brian De Palma o “Nemico pubblico” di Michael Mann.

OneLouder

Film d’autore nella forma ma con rimandi al grande cinema di genere nella sostanza. Si può chiedere di più ad un regista esordiente che ha percorso lo stesso itinerario del suo protagonista, diplomandosi alla Scuola Norvegese di Cinema di Lillehammer? Promosso a pieni voti “Before Snowfall“, che soffre a tratti di povertà di messa in scena ma che, al contempo, innesta nella storia una quantità di citazioni e rimandi che dimostrano già una grande padronanza del racconto cinematografico. Aspettiamo la seconda prova e, soprattutto, di vedere il film distribuito in sala.

Pro

Contro

Scroll To Top