Home > Recensioni > Cappuccetto Rosso Sangue
  • Cappuccetto Rosso Sangue

    Diretto da Catherine Hardwicke

    Data di uscita: 22-04-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

In bocca al lupo

La piccola Valerie saltella nei boschi di Daggerhorn con l’amichetto Peter a caccia di conigli da sgozzare. Cresciuti, i due si amano ma la mamma di Valerie non si accontenta del salario da taglialegna di Peter e preferirebbe dare in sposa la ragazza al ricco Henry.
Mentre Henry (Max Irons) ama Valerie (Amanda Seyfried) e Valerie ama Peter
(Shiloh Fernandez), il villaggio soffre sotto la minaccia di un misterioso lupo mannaro che improvvisamente appare stufo di cibarsi soltanto di sacrifici animali.
Chi si cela dietro la creatura pelosa e sanguinaria che, tra tutti gli abitanti di Daggerhorn, sembra volere proprio Valerie?
La bimba col cappuccio rosso dei fratelli Grimm diventa un’adolescente dubbiosa tra le mani di Catherine Hardwicke in questa rilettura patinata ma non sgradevole che racconta il dolore di diventare adulti.

OneLouder

Bersaglio facilissimo per risatine e parodie, l’estetica di Catherine Hardwicke cancella ogni suggestione lettaria, tra boscaioli con i capelli pieni di gel, fanciulle truccatissime e madri conciate come una desperate housewife.
Garantiscono il divertimento soprattutto gli attori over 30 e una rappresentazione discretamente efficace degli strappi adolescenziali che oppone l’amore (maschile) come possesso all’amore (femminile) come via verso la libertà e l’indipendenza dell’anima. Il nido familiare è un covo di violenza e bugie e se proprio bisogna incappucciarsi, attraversare il bosco e andare dalla nonna, è meglio sostituire le focaccine nel cestino con qualcosa di più utile. Vero, piccola Valerie?

Pro

Contro

Scroll To Top