Home > Recensioni > Chéri

Un’altra Relazione Pericolosa per Stephen Frears

In quel popoloso deserto che appellano Parigi infuria la Belle époque. La bella cortigiana Léa de Lonval (Michelle Pfeiffer) non è più fresca come una rosa. Affascinante, meravigliosa, ma ahimé vecchia. D’improvviso Léa dà inizio ad una relazione con un sarcastico e bellissimo giovanotto, Chéri (Rupert Friend), figlio di una ex collega di Léa, la ciarliera e cinica Madame Peloux (Kathy Bates). Dopo sei anni di passione, Madame Peloux decide di far sposare suo figlio alla ricchissima e insignificante Edmée. Léa è sconvolta, Chéri malvolentieri deve piegarsi al volere materno. Riuscirà l’amore dei protagonisti a restare in vita? Riuscirà la società a perdonare loro lo scandaloso scarto anagrafico che li separa?

Stephen Frears intrattiene relazioni pericolose col proprio passato cinematografico. In effetti questa sua ultima fatica sembra, più che uno sforzo originale, una versione enhanced del suo precedente capolavoro “Le Relazioni Pericolose” (1988): entrambi sono illuminati dal volto perfetto di Michelle Pfeiffer e sono scritti con grazia sapiente da Christopher Hampton. Egualmente melodrammatici, entrambi i film si concentrano su una eroina anticonvenzionale, le sue imprese e la sua inevitabile caduta. Tuttavia, “Chéri” sfoggia una tenerezza ed una levità nuove – forse perché tratto da Colette, che tratta la penna come un fioretto tanto sottile quanto affilato, e non dal libertino Choderlos de Laclos.

Uno spettacolo delizioso per gli occhi e per il cuore delle spettatrici più romantiche, va bene, però Frears non è un regista vacuo. E “Chéri” è un film che colpisce più a fondo di quanto appaia a prima vista: a dispetto della trama dopotutto convenzionale, il finale brusco e impietoso dona a tutta la storia un sapore inaspettato e amaro. Il cast impeccabile, la fotografia sensuale di Darius Khondji e la colonna sonora estenuata, mahleriana di Alexandre Desplat fanno di questo film un piccolo gioiello di crudeltà.

Pro

Contro

Scroll To Top