Home > Recensioni > Cigno Nero – Black Swan
  • Cigno Nero – Black Swan

    Diretto da Darren Aronofsky

    Data di uscita: 25-02-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Cigno nero, cigno bianco

Nina è una ballerina classica. Dopo anni di costrizioni e sofferenze fisiche, ossessionata da una madre ex danzatrice che riversa le sue speranze fallite su di lei, riesce a ottenere il ruolo sempre desiderato: regina dei cigni ne “Il Lago dei Cigni”.
Dovrà però riuscire a impersonare entrambi i cigni di Tchaikovsky: il bianco e il nero. Dovrà essere fragile e sensuale, altruista ed egoista.
Qualcosa dentro di lei cambia, tutto ciò che dalla disciplina è stato represso uscirà con violenza, distruggendo qualunque cosa si inserisca tra lei e lo spettacolo finale.
Aronofsky torna a Venezia a due anni dal Leone d’Oro “The Wrestler” con un’altra storia di espiazione fisica del dolore interiore.

OneLouder

Come il wrestler Randy, Nina è dilaniata dall’ossessione per il suo corpo: il primo sfogava le frustrazioni negli incontri di lotta, la seconda si martoria nelle sessioni di prova. Aronofsky recupera le spirali di paranoia dei personaggi di “Requiem for a Dream”, con un mix distruttivo che sdoppia Nina nei cigni che deve interpretare. Impossibile distinguere le proiezioni di una mente distorta dalla realta, complici gli effetti audiovisivi, lo spettatore viene trascinato a fondo con la protagonista. Pubblico sopraffatto dalla potenza delle emozioni, dalla sapienza e dal talento visivo di Aronofsky e dalla notevole Natalie Portman.

Scroll To Top