Home > Recensioni > Coco Avant Chanel – L’Amore Prima Del Mito
  • Coco Avant Chanel – L’Amore Prima Del Mito

    Diretto da Anne Fontaine

    Data di uscita: 29-05-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

La storia di una Evita triste

Un’insopportabile mantenuta, musona, spocchiosa e infinitamente orgogliosa. Be’, infinitamente ma non al punto da rifiutare l’aiuto dei suoi facoltosi amanti, seppur con il fine supremo di fondare un impero dell’alta moda.

Forse volutamente per sottolinearne il carattere deciso, forse perché sfuggito di mano alla regista, il personaggio di Coco non riesce nemmeno per un attimo a risultare simpatico, nemmeno quando attraversa le peggiori tragedie.
Questo nonostante venga preso convenientemente in considerazione solo il periodo dell’infanzia e dell’adolescenza della stilista, non facendo quindi alcun accenno alle antipatiche accuse di collaborazionismo che le vennero mosse dopo la guerra.

Pur avendo una protagonista così difficile, il film non risulta pesante: la trama scorre veloce e sono particolarmente ben riuscite le scene in cui la ragazza osserva con malcelato disprezzo gli abiti pomposi delle altre donne, stracarichi di fiori e i pizzi, e quella in cui crea il su celeberrimo tubino nero.
Il finale è così malinconico che si ha l’impressione che la “vincente” Coco, seduta corrucciata sulle scale, consideri la sfilata quasi come un premio di consolazione, anziché il coronamento di un sogno cui ha sacrificato tutto il resto.

Superlativa Audrey Tautou: si immedesima talmente nel personaggio che, scambiandola per la vera Coco, si sente a tratti il desiderio di prendere a schiaffi pure lei.

OneLouder

Certo, il mio sguardo sarà viziato dal fatto di essere una donna del nuovo millennio, che non deve lottare per vedere riconosciuto il mio diritto a lavorare – be’, in effetti un po’ sì ma questa è un’altra storia – ma trovo un che di riprovevole nel considerare Coco Chanel e i suoi cappelli un simbolo della riscossa del genere femminile. Manco fosse Marie Curie…

Pro

Contro

Scroll To Top