Home > Recensioni > Deep Water – La Folle Regata
  • Deep Water – La Folle Regata

    Diretto da Louise Osmond, Jerry Rothwell

    Data di uscita: 14-11-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Oceano irrazionale

Tra le altre cose, il XX è stato il secolo delle imprese eroiche, tante tessere di un mosaico che Werner Herzog ha felicemente battezzato “La Conquista Dell’Inutile”.
Dalla conquista del Polo Sud di Amundsen e Scott (1911), alla spedizione Endurance (1914-1917) di Sir Shackleton; dalla prima traversata atlantica in aereo di Lindbergh (1929), al primo volo spaziale di J.A. Gagarin (1961); dal primo piede mosso sulla Luna da N. Armstrong (1969) per arrivare alle salite in solitaria e senza ossigeno di Messner sul tetto del mondo (1980). Tutto questo nel giro di appena tre generazioni.

“Deep Water” racconta in modo esemplare la prima circumnavigazione della Terra in barca a vela, in solitaria e senza scalo, compiuta nel 1968 da un manipolo di uomini, in gara l’uno con l’altro, in gara con gli elementi, ma soprattutto in gara con se stessi, in una solitudine lunga 10 mesi.

In parallelo vengono raccontate tre di queste solitudini, mediante ottimi materiali video e audio filmati e registrati dagli stessi protagonisti, montati con materiali originali e ricordi di chi fu testimone di quella straordinaria impresa: Robin Knox-Johnson, Bernard Moitessier e Donald Crowhurst, esperti navigatori i primi due, improvvisato dilettante l’ultimo.

Parlare di documentario per questo piccolo gioiello è sicuramente riduttivo.
In un mondo sospeso tra sogno e realtà, dove spazio e tempo collassano nel microcosmo-uomo, l’epopea di Crowhurst ci trascina sul pianeta pensante di “Solaris” (A. Tarkovskij), in cui domina un oceano irrazionale che è gigantesca metafora della coscienza.
Da non perdere.

Una piccola critica all’edizione italiana, che tradisce l’anima di questo film, a partire dal titolo fino ad un alquanto inopportuno doppiaggio dallo stile documentaristico.

Scroll To Top