Home > Recensioni > Donnie Brasco

Bravi ragazzi

“Chi tu dicu a fari?”, la vera storia dell’agente dell’FBI Joe Pistone ha fatto il giro del mondo. Infiltrato per sei anni nella mafia newyorchese sotto lo pseudonimo di Donnie Brasco, riesce a legare con Lefty Ruggiero ed entrare nel clan come commerciante di pietre. Joe è costretto a trasformarsi, a dividersi non solo in due identità ma in due modi di vivere completamente diversi. L’onore che lega tutti i componenti della Famiglia riesce a coinvolgere anche Joe, ormai sempre più lontano da sua moglie e dalle figlie. Un lungo tempo quello trascorso nel clan, tra registrazioni e false verità, tra voglia di restare vivo e provare a fingere la serenità.

OneLouder

Come si fa a fingere per sei anni di essere un’altra persona? E soprattutto senza sentire l’angoscia di essere scoperti? Come si fa ad allontanarsi dalla propria famiglia, senza spiegazioni e riuscire a svolgere tranquillamente un duro lavoro?
Una vera lezione di vita scorre all’interno di quelle immagini crude, immagini di pistole puntate dritte al cuore, di seghe che tagliano corpi freschi, immagini di uomini spietati e di valori profondi. Al Pacino e Johnny Depp incarnano davvero la coppia di attori perfetti, trasmettono l’amore di padre e figlio ma anche la crudeltà di assassini.

Pro

Contro

Scroll To Top