Home > Recensioni > È Complicato

God bless Meryl Streep

Proprietaria di una raffinata pasticceria e madre di tre figli, Jane è una cinquantenne di successo riconciliata con se stessa e divinamente in grado di sostenere un’ evolutissimo rapporto con l’ex marito Jake. Galeotti la festa di diploma del figlio e qualche bicchiere di troppo, i due ex si riscoprono amanti spavaldamente clandestini e sperimentano una relazione che più complicata non potrebbe essere.

L’ingresso in scena del placido architetto Adam definisce il terzo lato del triangolo ed amplia il ventaglio delle possibili scelte di Jane in mezzo a classici topoi da commedia sofisticata: il sexy-gossip con le amiche, la seduta psicanalitica, il momento (finto)trasgressivo e l’equivoco erotico che aggiorna Feydeau all’era delle webcam.

OneLouder

Divertente e solare commedia post-divorzista, originale nel concept e pulita nella messinscena. Nancy Meyers punta sull’inedita coppia Streep – Baldwin e, pur nella prevedibilità dell’insieme e nel ricorso alle formule collaudate del genere, sforna il suo film migliore. Qualche incertezza in chiusura ed interessante ma poco sfruttato il personaggio in sottotono di Steve Martin, ma cosa chiedere di più di una Streep che prosegue con irresistibile charme la sua stagione di contagiosa comicità e soave leggerezza post-Prada?
Ferdinando Schiavone

Una commedia realista, ma non fino al punto di rompere l’illusione di un lieto fine, sincera nella raffigurazione di una donna che, passati i 50, trova il coraggio di cogliere le occasioni che la vita le offre, ed ha anche il piglio giusto per gestirla, e alla fine potersi permettere di scegliere.. Tuttavia, se non fosse per la recitazione carismatica della Streep, magistrale, qui al limite dell’istrionico, il film risulterebbe un pochino noioso, con le sue due ore piene di dialoghi e di cibi più che invitanti, che servono a caratterizzare il suo personaggio, donna in carriera, con un pasticceria da gestire, e mostruosamente perfetta. Insomma, non c’è un piatto che non sappia cucinare!
Piera Boccacciaro

Pro

Contro

Scroll To Top