Home > Recensioni > Fair Game – Caccia Alla Spia
  • Fair Game – Caccia Alla Spia

    Diretto da Doug Liman

    Data di uscita: 22-10-2010

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Chi scherza col fuoco si brucia

Valerie Plame, agente segreto della CIA scopre, contrariamente a ciò che si credeva, che l’Iraq non ha alcun giacimento di armi nucleari.
Joe, suo marito, giornalista inviato in Africa, scopre, contrariamente a ciò che si credeva, che l’Iraq non ha avviato nessuna compravendita di uranio arricchito e trae le sue conclusioni in un feroce articolo sul New York Times.

L’articolo passa di mano in mano, sale di ufficio in ufficio, fino alle stanze più inaccessibili della Casa Bianca.
La vendetta scende, di piano in piano, lungo le fibre ottiche raggiunge ogni computer, ogni casella e-mail, ogni studio televisivo e ogni televisione degli Stati Uniti: l’identità segreta di Valerie viene pubblicamente svelata, la credibilità di Joe messa in dubbio dal governo stesso, quella che era la loro vita andrà in pezzi.

OneLouder

“Fair Game” è la vera storia di una sfida al potere e del potere stesso, quello dei potenti, quello che è meglio non mettersi contro, quello che vince sempre e non chiede mai scusa.
Una storia avvincente e importante, molti spunti di riflessione, molti potenziali colpi di scena, due attori eccellenti: ma un risultato decisamente sottotono.
Naomi Watts e Sean Penn stridono per gran parte del film, trovando una sintonia solo quando lo spettatore ha ormai rinunciato all’idea che lo ha trascinato fuori da casa, sfidando il freddo e magari anche la pioggia: “andare a vedere un gran film”. No, non è così.
Ha la sua dignità, ma delude le aspettative.

Pro

Contro

Scroll To Top