Home > Recensioni > Ginger E Fred

Correlati

Tv-jungle e, in un angolo, nostalgia di un amore

Una coppia di ballerini di tip-tap famosa negli anni ’40, soprannominata Ginger e Fred per la somiglianza con i favolosi Fred Astaire e Ginger Rogers, viene riunita dopo quarant’anni dalla tv, in occasione della puntata natalizia del programma “Ed ecco a voi…”. Ginger, il cui vero nome è Amelia, s’illude di poter tornare agli antichi fasti, ma ben presto si rende conto di esser trattata come un animale allo zoo. -Benvenuta nel mondo della tv!- Disilluso e cinico appare invece Pippo. Vagheggia sabotaggi televisivi ma si rivela fragile, come uno che vive con un dolore, una nostalgia incolmabile. Amalia, piccolo-borghese ma piena di dignità e pudore, aiuta l’amico, e insieme ballano il loro ultimo tip-tap. Rappresentazione del mondo dello spettacolo 25 anni dopo “La Dolce Vita”: dal glamour all’amatriciana di via Veneto, mitico e familiare, agli studi televisivi. Lo spettacolo è mettere l’altro in ridicolo (più volte viene rinfacciata ai due protagonisti la loro età). Gli autori televisivi sono intelligenti, colti, ma anche furbi: attirano gli allocchi teledipendenti col simulacro del tu sei in tv, quindi sei qualcuno, danno in pasto la loro vita privata, le truffe che le ingenue vittime mostrano con assoluta buona fede, insomma li espongono come lo scemo del villaggio, su un trono che anticipa di 10 anni la De Filippi. Ovviamente i teledipendenti si commuovono e applaudono, il gioco è riuscito. Il film è anche una storia d’amore che bilancia sapientemente tenerezza e sarcasmo, con un finale in cui il sorriso si tinge di malinconia, come in un film di Chaplin.

Scroll To Top