Home > Recensioni > I Guardiani Del Destino
  • I Guardiani Del Destino

    Diretto da George Nolfi

    Data di uscita: 17-06-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Dick annacquato nell’acqua di rose

Nel racconto originale di Philip K. Dick, “Adjustment Team”, c’era un venditore immobiliare. Nella pellicola di George Nolfi, il protagonista, interpretato da Matt Damon – ormai volto fisso di film a cavallo tra realtà e surrealtà fantascientifica – è invece un giovane congressman, David Norris, la cui rapidissima ascesa politica sembra già rivolta verso la presidenza degli Stati Uniti d’America. Pare quasi un piano scritto dal destino. E in effetti David scoprirà che ciò che ha sempre pensato sul libero arbitrio non corrisponde proprio alla verità dei fatti e che la sua vita è controllata da agenti esterni alla sua volontà. L’incontro con la ballerina Elise, però, apparentemente frutto del caso, sconvolgerà la sua intera esistenza.

OneLouder

Ottima partenza per questo film, che si spalanca immediatamente su ambientazioni contemporanee che però hanno quasi il sapore della fantascienza, in pieno stile Dick. La colonna sonora poi, martellante e avvincente, è in grado fin dall’inizio di creare una tensione che inchioda alla sedia. Il ma arriva quando ci si rende conto che è stato spalmato uno spunto geniale – quello che aveva concesso a Dick di creare la sua non a caso short story – su un intero film, annacquandolo con facili romanticismi e moralismi inutili. E, alla fine, ecco un altro film discreto, proprio nulla di più.

Pro

Contro

Scroll To Top