Home > Recensioni > I Più Grandi Di Tutti
  • I Più Grandi Di Tutti

    Diretto da Carlo Virzì

    Data di uscita: 04-04-2012

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

I want rock’n’roll all night…

Carlo Virzì, fratello del più celebre Paolo, torna al cinema con “I Più Grandi di Tutti“, commedia dal sapore musicale che segue di sei anni il suo film di debutto “L’estate del Mio Primo Bacio”.

Negli ormai trascorsi 90′s i Pluto erano una rock band energica e sboccata di una piccola realtà di provincia toscana che, come vuole la migliore tradizione rock’n’roll, finì per sciogliersi dopo litigi e incomprensioni. Quindici anni dopo il batterista Loris, ormai un disoccupato svogliato vicino ai quaranta, riceve una sorprendente e-mail da parte di un giornalista musicale, estimatore dei Pluto fino al fanatismo, intenzionato a realizzare un documentario proprio sulla band. Loris si mette alla ricerca dei vecchi compagni di band, riuscendo dopo anni a riassaporare il gusto di sentirsi protagonista di qualcosa e riabilitandosi finalmente agli occhi del figlioletto.

OneLouder

Interessante spaccato della scena rock alternativa italiana degli anni novanta, “I Più Grandi di Tutti” convince nella ricostruzione di quel clima cultural-musicale di provincia, grazie anche alla partecipazione di veri musicisti come Dario Kappa Cappanera., Marco Cocci e lo stesso Carlo Virzì che quell’ambiente hanno contribuito a crearlo.

Decisamente meno convincente la costruzione della commedia: molti i tempi morti e i momenti comici non ineccepibili che, con i loro riferimenti tipicamente livornesi a metà strada tra risata e malinconia, danno l’idea di assistere a un’imitazione un po’ sbiadita dei film del Virzì maggiore.

Pro

Contro

Scroll To Top