Home > Recensioni > I Tre Moschettieri
  • I Tre Moschettieri

    Diretto da Paul W.S. Anderson

    Data di uscita: 14-10-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Dumas permettendo

C’era una volta – nel 1844 – il romanzo a puntate “Les trois mousquetaires”, tra i più famosi e tradotti di sempre, capace di capitolo in capitolo di catturare il lettore e tenerlo incollato alla pagina grazie a ingredienti doc: personaggi definiti, vicende intriganti, situazioni al limite del paranormale. Protagonista era il giovane guascone d’Artagnan, che si reca a Parigi col sogno di diventare moschettiere, come suo padre. Qui si unisce ai tre moschettieri superstiti che ora devono vedersela con le guardie del cardinale Richelieu, macchinatore dei destini di Francia. Paul W. S. Anderson, oggi nel 2011, prende tutto questo e ne fa un film d’azione 3D con alcuni attori feticcio, vedi Milla Jovovich o Orlando Bloom, e tanta tanta fantasia.

OneLouder

Diciamolo subito: “I Tre Moschettieri” non ha tradito più di tanto il romanzo. O meglio, ha un (bel) po’ manipolato la sua storia, cercando però di riproporre lo spirito dei romanzi d’appendice, tutti mirati all’intrattenimento (anche se poi, come in questo caso, il risultato è anche letterariamente pregevolissimo). Purtroppo tutto è talmente parossistico – azioni mirabolanti, personaggi presentati fumettisticamente, e così via – che ogni tanto ci scappa anche qualche risata. Dumas lo apprezzerebbe oggi? Chissà, potrebbe anche darsi di sì.

Pro

Contro

Scroll To Top