Home > Recensioni > Il Labirinto Del Fauno
  • Il Labirinto Del Fauno

    Diretto da Guillermo del Toro

    Data di uscita: 24-11-2006

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Alice nel Paese dell’Orrore

Destinato agli adulti ma cupo come solo la fantasia dei bambini può essere, il “Labirinto del Fauno” è il secondo capitolo di una trilogia storica-fantastica diretta da Guillermo del Toro.

Ambientato in una Spagna dilaniata dalla guerra civile, il film segue le vicende della dodicenne Ofelia, che deve affrontare la propria personale lotta per la sopravvivenza contro il patrigno, uno spietato generale franchista.
Per fuggire da una realtà insopportabile, la bambina crea un universo fantastico nel quale cerca rifugio, ma in cui sembrano pian piano filtrare tutti gli orrori del mondo reale.
Una notte, entrata nel misterioso labirinto che sorge vicino a casa, Ofelia incontra il Fauno, grazie al quale scopre di essere la figlia perduta del re delle fate. L’inquietante creatura propone alla bambina di affrontare tre prove, superate le quali le sarà consentito di fare ritorno al suo regno, un luogo in cui “la bugia e il dolore non hanno significato”.
Ofelia accetta, sprofondando così sempre più nei propri incubi.

Molto curato nelle scenografie e nei costumi, il film è percorso da un raffinato simbolismo e cosparso da innumerevoli rimandi a fiabe e miti, da Alice a Persefone.
Il suo punto di forza si trova comunque nei continui rimandi tra il mondo reale, dove soprusi e violenze imperversano, e quello del labirinto, dal quale l’orrore, sublimato e trasfigurato dall’immaginazione di Ofelia, si riversa sugli spettatori con una forza inaspettata.

Il finale, al contempo cruento e di una sensibilità rara, chiude degnamente un piccolo capolavoro che, forse perché estraneo al circuito hollywoodiano, non ha ricevuto tutta l’attenzione che si sarebbe meritato.

Scroll To Top