Home > Recensioni > Il Mio Nemico

Incontri ravvicinati del terzo tipo su Fyrine IV

Free style sul racconto di Barry Longyear, fantasy introspettivo che stende sul film un velo di chiara derivazione europea. “Il Mio Nemico” vede il terrestre Davidge scontrarsi con l’alieno Zeriba, abitante dell’antico pianeta Dracon ed entrato con la sua navetta spaziale in un’orbita che non gli appartiene. Nemici che finiranno col mutare il loro rapporto in profonda amicizia dopo esser finiti entrambi su di un pianeta invivibile, Fyrine IV. Sei lune e due soli, come la vita moltiplicata. Come un ordine scardinato. Carnivori umani abitano il pianeta e rendono necessaria la collaborazione tra i due protagonisti.
Una riflessione sulla “diversità”, sull’accoglienza, sulla pazienza e sull’indole umana.
Un Dannis Quaid credibile e apprezzato.
Un Petersen che riesce a convincere, ma che si mostra in cerca del proprio ruolo. Nessuna fretta, Wolfgang!

Scroll To Top