Home > Recensioni > Il Mistero Della Pietra Magica
  • Il Mistero Della Pietra Magica

    Diretto da Robert Rodriguez

    Data di uscita: 21-08-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

È solo un (Video)-Gioco

Chi è Robert Rodriguez? L’autore di efferati pulp-movies, in cui truculenti effettacci splatter si mescolano sempre a una vena ludica e cialtronesca, oppure l’artefice di (apparentemente) innocui film per ragazzi, che aggiornano le consuete trame d’avventura alle moderne esperienze virtuali? Entrambe le dimensioni, apparentemente inconciliabili, in realtà convivono alla perfezione nell’anima fanciullesca e autarchica di questo regista, che dirige sempre come se avesse a che fare con un (video)gioco.

Ed è di giochi virtuali, ma soprattutto delle loro conseguenze nella vita reale, che parlava la trilogia di “Spy Kids”, tra le prime a sperimentare l’invasione a tutto campo della grafica tridimensionale nel cinema. Così è anche “Il Mistero Della Pietra Magica”, che riflette, in maniera poi non del tutto ingenua, su quanto scienza e tecnologia appaiano oggi nel sentire comune quasi come il moderno sostituto della magia.

Con una vena satirica bonaria ma efficace, che prende di mira alcuni oggetti del nostro quotidiano (come l’iPhone) considerati da molti come vere e proprie “lampade di Aladino”, il film tratteggia un cattivo d’eccezione: il tirannico Mr. Black, che ha monopolizzato il mercato e le menti dei consumatori con il suo miracoloso “Black Box”. Alla sua smania di potere si oppone Toe Thompson, undicenne brillante ma introverso, entrato in possesso di una pietra arcobaleno in grado di realizzare qualunque desiderio.

La morale è presto detta: la tecnologia può rendere onnipotenti, ma anche schizofrenici. E i ragazzi alla fine dimostrano di essere più consapevoli dei loro genitori sulle potenzialità, ma anche sui rischi, della virtualità.

OneLouder

Un film che si rivolge ai più piccoli parlando il loro stesso linguaggio, preso in prestito dal web e dai videogames. Con uno stile episodico (strutturato in capitoli non sequenziali) e con trovate che potrebbero scaturire solo dalla follia di Rodriguez (come un mostro gigantesco nato dalla caccola di un ragazzino).

Pro

Contro

Scroll To Top