Home > Recensioni > Il Padre Dei Miei Figli
  • Il Padre Dei Miei Figli

    Diretto da Mia Hansen-Løve

    Data di uscita: 11-06-2010

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Frammenti di vita fra luci e ombre

Opera seconda di Mia Hansen-Løve, “Il Padre Dei Miei Figli” è il racconto del cinema vissuto attraverso il lavoro creativo del produttore che investe energie in un’arte di cui la famiglia percepisce collateralmente l’eco. Un quadretto familiare perfetto: Grégoire Canvel è un uomo che ha tutto e anche quando i debiti lo piegano verso la bancarotta mai si sottrae ai suoi doveri di padre e marito, mascherando con un sorriso la disperazione che si insinua nel suo animo e quel desiderio di suicidio che presto partorirà la tragedia e squarcerà l’esistenza. Ispirato alla vita del produttore francese Humbert Balzan, è un film emozionante e appassionato, che ha anche il merito di raccontare come pochi luci e ombre del mestiere del cinema.

OneLouder

È un match giocato tra realtà e finzione che genera quell’incauto incastro che è la vita, attraverso sfumature d’oscurati sentimenti fatti di disperazione che attanaglia lo spirito ma anche attraverso l’eleganza dell’amore, che invece si estrinseca in una carezza, in un sorriso, tanto nel cinema quanto nell’intimità del seno familiare.
È il trionfo dell’urgenza di ricominciare che nasce dalla necessità della memoria, nella caparbietà di tenerla in vita senza profanarla con la retorica o il finto buonismo, ma con la fatica della creazione artistica ed il sacrificio del superamento dell’afflizione.

Pro

Contro

Scroll To Top