Home > Recensioni > Il Sentiero

La sconfitta dell’amore

Luna (Zrinka Cvitesic) ed Amar (Leon Lucev) sono una coppia di giovani musulmani innamorati che, tra altri e bassi, cerca di portare avanti un rapporto fondato sull’amore e sui sentimenti. Lei fa l’hostess, gira il mondo e sogna un figlio che non riesce ad avere. Lui fa il controllore di volo ma ha il vizio del bere e per questo perde il lavoro. Grazie all’incontro con Bahrja, un suo vecchio amico dei tempi della leva militare che nel frattempo è diventato musulmano ortodosso e seguace della dottrina wahhabita, Amar trova lavoro come insegnante d’informatica in una reclusa comune sulle sponde di un suggestivo lago. Luna non è entusiasta di questa proposta, perché Amar andrà a vivere lontano dalla città, e poi non le piace la faccia di Bahrja e quella della moglie coperta da un velo nero. Tuttavia si rende conto che suo marito non può rifiutare un lavoro ben pagato, cosi lo lascia andare.

Da quell’esperienza Amar tornerà completamente cambiato. Durante una riunione in famiglia, il suo discorso sulla ritrovata dottrina ortodossa fa scandalo, per lui le cose che ora hanno più valore sono la preghiera e i suoi fratelli della moschea. Si rifiuta di avere rapporti sessuali e di vivere la vita che aveva prima con la moglie. Luna è confusa, non riconosce più suo marito ma per amore cerca di capirlo. Lei è rimasta ancorata all’idea liberale dell’amore che aveva condiviso con lui fino a poco tempo prima e non piegherà la testa a quel mutamento.

Il Sentiero” (“On The Path” il titolo in inglese), è il secondo film della regista Jasmilia Zbanic, distribuito da Fandango.

OneLouder

Nella pellicola viene messo sotto i riflettori il ruolo ricoperto dalla donna in una società maschilista, in cui le viene negata ogni libertà. Attraverso lo sguardo lucido di Luna, quella confraternita così protettiva agli occhi di Amar si svelerà per quello che è realmente: un’inquietante congrega di fanatici che costringe le donne a vivere nell’ombra dei niqab e concede agli uomini il beneficio di matrimoni multipli ed il lusso di spose minorenni.

Pro

Contro

Scroll To Top