Home > Recensioni > Jimi Hendrix: Live At Woodstock
  • Jimi Hendrix: Live At Woodstock

    Diretto da Michael Wadleigh

    Data di uscita: 27-11-2012

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Conoscere Hendrix

Il 27 novembre, giorno del settantesimo compleanno di Jimi Hendrix, uscirà nelle sale “Hendrix 70: Live at Woodstock” che raccoglie la versione integrale del concerto che Hendrix e la sua band del momento Band of Gypsys’ o Gypsy Sun and Rainbows, hanno tenuto a Woodstock all’alba del 19 agosto 1969.

Nexo Digital ha raccolto i vari filmati girati quel giorno e li ha montati, restaurando il master audio, che ora è in surround 5.1, con un nuovo mix curato da Eddie Kramer, sound engeneer di Woodstock e che per alcuni anni fu fonico di Hendrix. Nel corso del concerto non solo sono eseguiti pezzi come “Voodoo Child”, “Foxy Lady”, “Hey Joe”, “Fire” e “Purple Haze”, oltre che la celebre improvvisazione di “Star Spangled Banner”, l’inno statunitense, ma molti altri brani di improvvisazioni, sia solo di Hendrix che con la sua band, che contava, oltre al suo storico batterista Mitch Mitchell, due percussionisti, basso e un’altra chitarra.

OneLouder

Hendrix si dimostra una persona umana e anche simpatica: non lo si vede solo suonare concentratissimo facendo smorfie e succhiandosi le labbra, o fare qualche sconcezza volgare, ma anche scherzare con il pubblico e trattare con affetto i suoi musicisti. Un concerto da vedere, non solo perché è seguito e preceduto da alcune interviste che permettono di inserirlo nel suo contesto storico, ma anche per apprezzare la persona Hendrix, e toccare con mano quanto amava la musica, quanto essa faceva parte di lui. Vedere quel bambino felice che cercava di mettersi sempre alla prova, andando oltre – e non ci riuscì – alla Experience.

Pro

Contro

Scroll To Top