Home > Recensioni > Ken Il Guerriero – La Leggenda Di Hokuto
  • Ken Il Guerriero – La Leggenda Di Hokuto

    Diretto da Takahiro Imamura

    Data di uscita: 04-07-2008

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Un restyling che non delude

In un’epoca cinematografica di live action era forse normale attendersi un Kenshiro in carne ed ossa. E invece il progetto che vede protagonista sul grande schermo il muscoloso eroe nato nell’ormai lontano 1983 dalla penna di Tetsuo Hara e Buronson resta ben ancorato alle origini: ben cinque lungometraggi d’animazione che ripercorrono e approfondiscono le vicende della prima serie di “Hokuto No Ken”.

Il primo, “Ken Il Guerriero – La Leggenda Di Hokuto”, appena uscito nelle sale italiane grazie a Mikado e Yamato Video, parte dall’infanzia di Ken, da quando cioè Shu, il guerriero di Nanto guidato dalla Stella della Benevolenza, sacrifica la propria vista per salvargli la vita, e prosegue fino alla sconfitta dell’Imperatore Sacro Sauzer. Per i tantissimi che conoscono a menadito anime e serie a fumetti – il target della pellicola, insomma – ogni dettaglio sulla trama è ovviamente superfluo. Per i neofiti, basti sapere che la saga di “Hokuto No Ken” si muove su uno scenario post-apocalittico in cui il pianeta, nella sua quasi totalità ormai composto da macerie, è in balia di lotte senza quartiere che vedono protagonisti gli eredi di due antichissime scuole di arti marziali ancestrali: la Divina Scuola di Hokuto e la Sacra Scuola di Nanto.

Il fascino di “Ken Il Guerriero” sta proprio nel suo carattere ancestrale, tipico di una saga epica. Ogni personaggio rappresenta infatti un modello etico molto ben delineato, fornendo allo spettatore di interpretare l’opera alla luce degli avvenimenti della propria epoca. Non mancano, per esempio, richiami al potere assoluto, al terrorismo o a valori sempiterni come l’amore e la fiducia nell’altro da sé.
E questo fascino rivive appieno anche nel lungometraggio cinematografico. Grazie a una realizzazione grafica a tratti altalenante ma che comunque regala sequenze davvero memorabili, sottolineate dall’inquietante accompagnamento sonoro, “Ken Il Guerriero – La Leggenda di Hokuto” è un’opera che non delude le aspettative dei fan – in questi casi sempre molto esigenti – e che non è priva, nel contempo, di motivi di interesse anche per le nuove generazioni.
Ora non possiamo che aspettare con impazienza i quattro capitoli mancanti.

Scroll To Top