Home > Recensioni > Kill Your Darlings

L’oscura ala della giovinezza (artistica)

L’opera prima di John Krokidas, che è autore completo del film essendone anche sceneggiatore, è ambientata nel 1944 alla Columbia University dove convergono alcuni giovani che di lì a poco rivoluzioneranno la poesia e la letteratura mondiale. Parliamo di Allen Ginsberg, di William Burroughs e di Jack Kerouac.

A legare la vita di questi personaggi è lo studente Lucien Carr e la sua relazione col professore e bidello più maturo David Kammer, interpretato da un bravissimo Michael C. Hall, vero deus ex machina delle vicende.

Insieme questi giovani e uomini sperimenteranno tutto il possibile, dalla droga al sesso, dalla scrittura al crimine. Il film si muove sicuro tra i sentieri del biopic senza arenarsi in calligrafie inutile e anzi scegliendo ben presto la strada del dramma e della tragedia, raccontati però con un taglio che evita ogni sensazionalismo, che preferisce concentrarsi sui caratteri e non sulle facili pruderie.

Presentato il mese scorso alle Giornate degli Autori, Il film è stato proiettato in lingua originale in anteprima per il Napoli Film Festival al Cinema Martos Metropolitan di Napoli il 30 settembre. Sarà distribuito nelle sale italiane il 17 ottobre.

OneLouder

“Kill Your Darlings” è un esordio folgorante: Krokidas dimostra mano sicura, abilità nella ricostruzione storica riuscendo a far sì che mobilia e vestiario risultino reali e quotidiani e non roba museale, e soprattutto una direzione perfetta del cast, composto quasi tutto da giovani promesse del cinema americano, capitanate da Daniel Radcliffe, in un ruolo agli antipodi da Harry Potter che ne mostra la (conquistata) maturità artistica.

Pro

Contro

Scroll To Top