Home > Recensioni > L’alba Del Pianeta Delle Scimmie
  • L’alba Del Pianeta Delle Scimmie

    Diretto da Rupert Wyatt

    Data di uscita: 23-09-2011

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Come nasce una società in rivolta

Ossessionato dal’idea di trovare una cura per il padre (John Lithgow) malato di Alzheimer, il dottor Will Rodman (James Franco) testa su un gruppo di scimpanzé un siero che determina un accrescimento delle capacità cognitive ma i cui effetti sulle persone sono ancora sconosciuti e, con ogni probabilità, pericolosi.
Quando il progetto di ricerca viene bloccato, Will decide di accudire l’unico scimpanzé rimasto in vita, Cesare, che ha ereditato il gene evolutivo dalla madre e mostra ben presto uno sbalorditivo sviluppo dell’intelligenza oltre ad una spiccata emotività. Rinchiuso in un “manicomio per scimmie” per la sua sospetta aggressività, Cesare deve fare i conti con la stupidità della sua specie per poter guidare una rivolta di primati evoluti contro gli uomini.

Premessa infinita per il reboot della saga fantascientifica nata negli anni ’60. Il regista Ruper Wyatt tenta la stessa operazione del “Batman Begins” di Nolan e fa indubbiamente centro.

OneLouder

Sorvoliamo sulla prima parte, puro e semplice pre-testo che pone le basi per gli inevitabili capitoli successivi. Quando il focus passa dai personaggi umani alle scimmie, la tensione e l’azione finalmente esplodono e il film tiene incollati alle poltrone con una serie di sequenze davvero mozzafiato. Ma a trascinare e stupire è soprattutto l’accurata analisi delle dinamiche sociali attraverso cui prende vita la comunità di scimmie in rivolta. Il merito va alla regia di Wyatt ed alla performance in CGI di Andy Serkis, che rende magnificamente l’evoluzione psicologica di Cesare e la sua trasformazione da cucciolo spaurito in autentico leader.

Pro

Contro

Scroll To Top