Home > Recensioni > L’Albero Della Vendetta

Verso Santa Cruz, a tutti i costi

Western di grande spessore, questo “Ride Lonesome” (“L’Albero Della Vendetta”, in Italia), portatore, attraverso ironia e magnifico uso delle dinamiche tra personaggi, di riflessioni amare e moderne sulla ricerca del proprio obiettivo, sul viaggio amorale e logorante rappresentato dalla vita. Ricorda in effetti Pekinpah, Boetticher, come sottolineato dal curatore della sezione “Larger Than Life” de “Il Cinema Ritrovato” Peter von Bagh. Trama piuttosto classica: Brigade è un cacciatore di taglie sulle tracce del ricercato Billy John. Trovatolo, comincia il suo viaggio in direzione di Santa Cruz, dove il manigoldo verrà impiccato, e dove Brigade potrà intascare la ricompensa. Sulle loro tracce si mette però Frank, fratello del prigioniero, mentre i due, in corsa verso la meta, incontrano Boone, un ex criminale deciso a redimersi, e la giovane Sig.ra Lane. Per motivi diversi, saranno costretti a proseguire il viaggio insieme. Un viaggio che Brigade proseguirà ad ogni costo: i suoi occhi freddi e dolenti, infatti, celano un segreto ed in ballo, per lui, c’è un obiettivo ben più importante di una semplice ricompensa.
Emergono elementi di grande tradizione culturale americana, dal non troppo velato maschilismo di una società in cui gli eventi sono sostanzialmente provocati da uomini cinici e disillusi, fino al dipinto conciso e stilizzato di onore e, soprattutto, vendetta, concetti che si sprigionano vigorosamente, a livello metaforico, dalle traiettorie disegnate nel paesaggio da questi individui in perenne movimento, in una ricerca stanca ma inarrestabile. Ciò che stupisce, positivamente, è la complessità dei rapporti tra bene e male insiti nei singoli personaggi, la cui reale cifra morale viene offuscata e dissimulata per l’intera durata del film, proponendo uno spaccato umano di intrigante ambiguità. Accanto al protagonista Randolph Scott, poi, si segnalano comprimari di grande lustro, tra cui spiccano James Coburn e il glaciale Lee Van Cleef, volto reso poi icona dall’opera di Sergio Leone.

Scroll To Top