Home > Recensioni > L’Amore A Vent’Anni
  • L’Amore A Vent’Anni

    Diretto da William Wyler, Richard Rosson, Howard Hawks

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Il tempo per l’amore

L’amore a vent’anni è un film in cinque episodi. L’intento è dichiarato nel titolo: esplorare l’amore in quella fascia d’età che ruba i ragazzi all’adolescenza e li accompagna ad essere adulti.
Sono chiamati a dire la propria cinque registi di nazionalità differenti. C’è il giapponese Shintarô Ishihara, il tedesco Marcel Ophüls, l’italiano Renzo Rossellini, il francese François Truffaut e il polacco Andrzej Wajda.
Truffaut, che porta in scena un capitolo delle avventure di Antoine Doinel, già protagonista de “I quattrocento colpi”, è il più apprezzato dalla critica; Rossellini quello stroncato.
Nell’episodio francese il protagonista, interpretato ancora da Jean- Pierre Léaud, è ormai cresciuto. Si innamora di Colette, ma non riesce a captare gli incoraggiamenti che lei lancia. Quando troverà coraggio per dichiarare il suo amore, sarà troppo tardi.
Fa da sfondo alla storia una Parigi che ben regge i suoi giovani personaggi. Una Parigi che ben si adatta all’intento di chi decide di dare all’amore un valore assoluto, come Antoine. Un’ambientazione adatta alla caratteristica del personaggio che, proprio per la sua scelta, vive con una perenne insoddisfazione. Perché l’amore non è sempre gioia. Non è solo felicità. Pare sia ancor di più inseguimento, e disperazione.

Scroll To Top