Home > Recensioni > L’Amore E Basta
  • L’Amore E Basta

    Diretto da Stefano Consiglio

    Data di uscita: 04-09-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

L’errore è negli occhi di chi guarda

Stefano Consiglio gira un documentario dal titolo apparentemente frivolo ma anche diretto e molto pertinente. “L’Amore E Basta” racconta in modo esplicito e sincero le storie d’amore di nove coppie omosessuali, lasciando parlare liberamente i protagonisti, ponendo loro domande sul concetto di coppia, di famiglia, sull’amore e sulla religione.

Coppie diverse, provenienze geografiche diverse e diversi punti di vista sulle tematiche trattate: si va da chi si considera a tutti gli effetti una “famiglia” a chi invece mantiene salda l’idea di coppia come unione tra due persone; si passa da chi ritiene che gli omosessuali non debbano avere figli alla storia delle due donne spagnole, madri di bambini felici di avere due mamme.

E sono proprio voci e volti di bambini ad aprire il film, che spiegano con semplicità la loro concezione d’amore, sia esso etero o omosessuale. “Se sono contenti loro, son contenti tutti” dice una bambina, dimostrando come i piccoli siano meno influenzati dai pregiudizi rispetto agli adulti.

In apertura il regista inserisce un monologo di Aldo Nove letto da Luca Zingaretti che mette in luce la negatività spesso associata all’omosessualità, giudicata come malattia, come vergogna, come errore e il peso che le parole e le etichette troppo rigide possono avere.
A spezzare la relativa monotonia delle riprese, fisse su primi piani e mezze figure dei protagonisti, sempre intervistati in contesti intimi e familiari, sono le animazioni strane e curiose di Ursula Ferrara che propongono una fusione colorata di corpi umani e animali in continua trasformazione.

Film non per tutti, l’occhio di qualcuno potrà forse vedere l’errore nella normalità mostrata dal regista che coinvolge lo spettatore narrando in modo lieve storie comuni ma allo stesso tempo inaspettate e per molti aspetti poco conosciute.

Scroll To Top