Home > Recensioni > L’Invasione Degli Ultracorpi

Il film che sconvolse l’America

Enormi baccelli generano creature aliene pronte a sostituirci. Da qui, per molti versi, ha inizio la fantascienza cinematografica, o quantomeno il suo ramo più spaventoso. Senza l’utilizzo di effetti speciali, se non un calco di gesso dei protagonisti, Don Siegel – poi portato alla celebrità dalle collaborazioni con Clint Eastwood – angoscia e terrorizza il suo pubblico con una storia più volte ripresa in diverse epoche storiche.

Fin da subito emergono i primi dubbi e presto non ci si sente più al sicuro, assieme ai protagonisti, interpretati da Kevin McCarthy e Dana Wynter, che sono costretti a fuggire, accerchiati e soffocati dalla paura. L’ambiente in cui si ritrovano cambia completamente faccia rispetto all’iniziale amenità della provincia americana e si arriva addirittura ad una critica sociale e politica.

Non era questo l’intento né del regista, né del soggetto, “Body Snatchers” di Jack Finney, ma il fatto che la pellicola sia stata interpretata in tal senso, e sia ampiamente attuale anche nell’odierno contesto della società globalizzata, dimostra la forza del film, che va ben oltre un’azione oggi chiaramente superata e offuscata da una tecnologia senza paragoni.

Gli extra inseriti da Sinister Film in questa edizione su DVD valorizzano ancor di più il breve lungometraggio, con la presenza dello storico filmato “The Night America Trembled”, oltre a brevi interviste di approfondimento e un curatissimo e, stavolta, lunghissimo libretto ad opera di Stephen King.

OneLouder

Volete fare bella figura di fronte ai vostri amici, fanatici dei telefilm di fantascienza da supermarket? Questo è il giusto punto di partenza, “L’Invasione Degli Ultracorpi” è un pezzo di storia da non perdere, semplicemente per la sua proverbialità. Non da meno lo scherzone di Orson Welles, davvero imprescindibile per un’affascinante riflessione storica.
Siamo di fronte a due cardini della fantascienza. Senza tempo.

Pro

Contro

Scroll To Top