Home > Recensioni > L’uomo Che Fissa Le Capre
  • L’uomo Che Fissa Le Capre

    Diretto da Grant Heslov

    Data di uscita: 06-11-2009

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Soldati ed LSD

Dopo essersi diviso fra cinema e televisione, fra recitazione e regia, questa potrebbe essere la buona occasione per Grant Heslov: il suo film ha scatenato un applauso entusiasta alla proiezione per la stampa. Già co-sceneggiatore di Good Night And Good Luck, Heslov fa di George Clooney un personaggio surreale (o iperreale?) capace di uccidere le capre con lo sguardo.

Ma andiamo con ordine: il giornalista Bob (Ewan McGregor) decide di andare in Iraq come reporter di guerra per dare un senso alla sua vita e alla sua professione. Lì incontra Lyn Cassady (Clooney), un ex soldato speciale addestrato negli anni ’70 nella New Earth Army, un plotone dai metodi hippy che si basano sui poteri paranormali della mente – e sull’LSD. Fondatore e padre spirituale di tale unità è Bill Django (Jeff Bridges, catapultato nel film direttamente dal Grande Lebowski), un idealista fuso e mandato in rovina dal traditore Larry Hooper (Kevin Spacey).

Il film più divertente del festival fonda il proprio esilarante assunto su una verità inquietante: è infatti dimostrato dal giornalista Jon Ronson, coautore dello script con Peter Straughan, che l’esercito americano ha davvero fatto esperimenti psichici con i suoi soldati. Le molte gag del film, inoltre, richiamano i metodi realmente usati ad Abu Ghraib per sfiancare la volontà dei prigionieri. Anche ignorando il sottotesto civile, la riuscita del film è assicurata da una sceneggiatura ad orologeria e dal cast indovinatissimo. Oltre al già citato Bridges, è notevole come Clooney e McGregor gestiscano i tempi e i toni della commedia. Peccato sia Fuori Concorso, una Coppa Volpi non ci sarebbe stata male.

Scroll To Top